martedì 21 settembre 2021

Gli elettori si sono imprigionati in una bolla. E adesso le idee non si confrontano più

di Martino Loiacono

Questo testo è apparso su "ItaliaOggi" il 2 febbraio 2021.

Una delle rivoluzioni più rilevanti degli ultimi anni è senza dubbio quella derivante dall'avvento dei social media. I social, in breve tempo, hanno imposto un netto cambiamento al modo di vivere e consumare di milioni di cittadini. Ma hanno modificato notevolmente anche il modo di informarsi, influenzando massicciamente la politica e il dibattito pubblico. La polarizzazione e la conflittualità che stanno coinvolgendo buona parte delle società occidentali sono dovute, tra le altre cose, alle modalità e alle logiche con cui essi operano.

I social media, rispetto ai media tradizionali come la televisione, si basano infatti sulla profilazione dei propri utenti. Tale meccanismo, rispetto alla comunicazione di massa, garantisce a queste piattaforme la possibilità di raggiungere specifici target di pubblico con la pubblicità e incentiva l'interazione tra profili che condividono gli stessi interessi. In base ai «mi piace», alle condivisioni e ai commenti, gli algoritmi che regolano i social favoriscono l'engagement con contenuti affini ai propri gusti. Se questo è chiaramente un vantaggio, perché facilita e semplifica i rapporti tra l'utente e le sue passioni, è anche un problema perché, in una prospettiva politico-informativa, tende a creare delle bolle mediatiche.

Delle bolle all'interno delle quali si ritrovano utenti caratterizzati dagli stessi orientamenti politici e ideologici. Il meccanismo è semplice, quanto efficace: grazie alla profilazione, i social avvicinano gli utenti dalle preferenze simili e allontanano quelli dalle preferenze diverse. Gli utenti, in base ai propri comportamenti, vengono così portati a interagire con profili e pagine in linea con i loro interessi. Questo processo, che si rafforza e perfeziona con il costante utilizzo dei social, porta quindi alla creazione delle cosiddette echo-chambers, cioè camere dell'eco in cui vengono di fatto eliminate visioni e interpretazioni divergenti.

Bolle autoreferenziali che per la loro omogeneità rischiano di far passare determinate opinioni o visioni del mondo come assolute. Del resto, se la verità si limita a quanto propone la bolla in cui l'utente è inserito, è difficile pensare che possa esistere altro al di fuori delle informazioni che circolano al suo interno. Le bolle, proprio per queste dinamiche, facilitano la circolazione di fake news (chi potrebbe contrastarle?), ma limitano anche la disponibilità al confronto, aumentando la conflittualità. Il dibattito pubblico, di conseguenza, viene disincentivato e tende a radicalizzarsi. Se nella democrazia dei partiti di metà Novecento e nella democrazia del pubblico degli anni Ottanta e Novanta esisteva un terreno comune su cui avviare la discussione, nella bubble democracy che si sta via via affermando tutto ciò diventa molto più difficile. Proprio perché le informazioni a cui sono esposti gli individui sono talmente diverse che risulta complesso condividere un'unica realtà.

Il passaggio dalla democrazia dei partiti alla democrazia del pubblico, descritto da Bernard Manin nel suo Principi del governo rappresentativo, ebbe sicuramente delle conseguenze mediatico-comunicative, ma non così radicali come quelle appena descritte. Certo, con il passaggio dalle masse al pubblico televisivo, partiti e parlamenti persero la tradizionale centralità a vantaggio dello spettacolo televisivo. Tuttavia, pur nelle sue sfaccettature, rimase una realtà condivisa su cui fondare i dibattiti. La transizione verso la bubble democracy, come illustrato nell'omonimo saggio da Damiano Palano, a causa delle tante e contrapposte bolle create dai social, complica la costruzione di una realtà condivisa su cui convergere per confrontarsi. La segmentazione del pubblico in tanti e diversi pubblici esposti a messaggi eterogenei e contrastanti rende così difficile l'incontro e il confronto tra persone dalle posizioni ideologiche differenti.

Lo scontro tra bolle deve quindi essere affrontato con rigore, evitando condanne preventive o approcci semplificatori nei confronti delle nuove tecnologie. Resta però la necessità di capire come vincere la polarizzazione estrema e una conflittualità crescente.

 

lunedì 20 settembre 2021

Il risentimento del «popolo» nella crisi delle democrazie. Alle radici dell'ondata populista


di Damiano Palano

Questa nota è apparsa sul quotidiano "Avvenire"  il 22 luglio 2021. 

Il 19 settembre 1955 un colpo di Stato delle forze armate argentine pose fine alla presidenza di Juan Domingo Perón. Diversi anni dopo, il grande scrittore argentino Ernesto Sábato tornò con la memoria all’entusiasmo con cui, insieme ai suoi amici, aveva accolto la notizia. E ricordò di aver allora riconosciuto la frattura che lacerava il popolo argentino. «Mentre noi dottori, possidenti e scrittori festeggiavamo rumorosamente nella sala la caduta del tiranno», si legge infatti in L’altro volto del peronismo, da poco pubblicato in italiano (Rogas, pp. 118, euro 11.70), «in un angolo dell’anticucina vidi che le due indigene che lavoravano lì avevano gli occhi inzuppati di lacrime». Pur essendo stato uno strenuo oppositore di Perón, Sábato si rese pienamente conto del sostegno di cui il leader aveva goduto presso gli strati popolari. Le ragioni andavano ricercate nel «risentimento» accumulatosi negli anni. «Nel pantano delle città improvvisate» aveva preso corpo una «una dolorosa disillusione rispetto alla maggior parte degli uomini che gestivano la cosa pubblica». Cresciuto nel corso di un mezzo secolo di rapide trasformazioni, quel risentimento era poi esploso con l’ingresso sulla scena di Perón.

La lacerazione fra «dottori e popolo» di cui parlava Sábato può forse oggi aiutare a decifrare l’enigma del populismo contemporaneo. L’ascesa dei nuovi outsider «populisti» rappresenta in effetti un sintomo della condizione di disagio che vivono oggi le democrazie occidentali. Ma le opinioni degli osservatori divergono nettamente sia a proposito del grado di pericolo che minaccia oggi le istituzioni liberaldemocratiche, sia sull’individuazione delle cause del fenomeno. Per ricostruire lo stato della discussione è molto utile il volume di Paolo Corsini Democrazie populiste. Storia, teoria, politica (Scholé, pp. 299, euro 20.00), che si concentra sui casi classici, arrivando infine alla scena odierna. Corsini non evita la grande domanda sulle motivazioni dell’ascesa di leader e movimenti accomunati dalla protesta contro un establishment di volta in volta rappresentato dalla classe politica, dagli intellettuali, dalle élite economiche. Le radici, suggerisce Corsini, hanno a che vedere con la marginalità di quote di popolazione, oltre che con le tensioni legate ai processi migratori e ai mutamenti tecnologici. Ma, dinanzi a queste dinamiche, il populismo si rivela essere, più che un farmaco in grado di curare un disagio, un veleno che rischia di minare la rappresentanza pluralistica degli interessi.

Nel suo recente Il tramonto della democrazia. Il fallimento della politica e il fascino dell’autoritarismo (Mondadori, pp. 159, euro 18.00), Anne Applebaum non ha esitazioni a stabilire un parallelo tra quanto accade oggi e gli avvenimenti che portarono alla Seconda guerra mondiale. Trasferitasi in Polonia dopo il 1989, Applebaum – autrice di libri di successo sui gulag e le carestie ai tempi di Stalin – ha avuto modo di assistere in prima persona ai mutamenti politici del paese e soprattutto alle evoluzioni delle classi dirigenti. Dopo il crollo del Muro di Berlino, il mondo intellettuale era schierato con convinzione a favore dei valori occidentali, del cosmopolitismo, dell’apertura all’economia di mercato. Dopo trent’anni le cose sono invece radicalmente cambiate. E molti hanno iniziato a rivolgersi contro i principi liberali in nome di una nostalgia nazionalista. Non tanto, secondo Applebaum, perché abbiano subito i contraccolpi della crisi economica e della globalizzazione, ma per un complesso di fattori, tra cui le ambizioni personali, la delusione per le promesse non mantenute della meritocrazia, la litigiosità del dibattito politico e le trasformazioni comunicative.  Un simile fenomeno non riguarda però soltanto la Polonia o l’Ungheria. Secondo la giornalista americana si tratta infatti di una tendenza che accomuna l’intero Occidente. E che minaccia seriamente le istituzioni liberaldemocratiche.

Ben diversa è invece la lettura avanzata da Michael Lind nel suo La nuova lotta di classe. Élite dominanti, popolo dominato e il futuro della democrazia (Luiss, pp. 240, euro 20.00). Secondo il politologo statunitense, alla base dell’ondata populista – e del successo ottenuto da Donald Trump – starebbe infatti una lacerazione profonda tra la classe lavoratrice e una «superclasse» contrassegnata dal possesso di elevati titoli di studio. Mentre la classe lavoratrice è al proprio interno frammentata (per settori e linee di divisione etnica), per Lind la «superclasse» - composta dalle élite «perlopiù native e perlopiù bianche» - è tanto compatta da poter indirizzare le scelte politiche del «neoliberismo tecnocratico». E i demagoghi populisti possono diventare i catalizzatori della protesta, senza poter fornire comunque risposte credibili alle sfide delle trasformazioni economiche e sociali.

La spiegazione di Lind è segnata da uno schematismo talvolta grossolano. E l’idea di una «superclasse» definita dal possesso di titoli di studio universitari risulta quantomeno inappropriata per il contesto europeo. Ma, insieme ad alcuni aspetti della sua interpretazione, non può essere sottovalutato il suo invito a riconoscere le radici delle tensioni degli ultimi anni in una nuova lacerazione – culturale, prima che politica – tra «dottori» e «popolo». Ai tempi di Perón, gli intellettuali e le classi dirigenti liquidarono i sostenitori del colonnello come «feccia», «descamisados» attratti soltanto dai piccoli benefici economici promessi dal regime. Ma non videro come, dietro quel sostegno popolare, vi fosse anche, come scriveva Sabáto, «una giustificata ansia di giustizia e di riconoscimento, di fronte a una società egoista e fredda, che sempre li aveva dimenticati». E oggi, dinanzi all’ascesa di nuovi demagoghi e al successo della loro propaganda, dovremmo evitare di cadere nello stesso errore, dimenticando di prendere sul serio le ragioni dei nuovi «descamisados».

Damiano Palano

sabato 18 settembre 2021

Quando la democrazia scivola all’indietro. Ripensare il "backsliding" democratico

di Damiano Palano

Questa nota è apparsa su quotidiano "Avvenire" il 25 giugno 2021.

Nel 1962 Philip K. Dick pubblicava The Man in the High Castle, uno dei suoi romanzi più fortunati, noto in italiano con il titolo La svastica sul sole. La trovata più originale consisteva nell’immaginare che la storia mondiale avesse seguito un binario differente. La Seconda guerra mondiale era stata infatti vinta da Germania e Giappone, e gli Stati Uniti erano stati divisi in aree di influenza. Negli ultimi anni l’«ucronia» di Dick è stata nuovamente riscoperta, e il genere – che interseca storia, fantascienza e politica – si è arricchito di nuove varianti. Ma, se Dick immaginava di far ‘scivolare indietro’ la storia del mondo, anche molti politologi hanno interpretato in modo non troppo differente il possibile crollo della democrazia. Naturalmente gli studiosi di politica non si sono dedicati a narrazioni fantapolitiche, ma hanno in qualche misura continuato a concepire la decadenza delle istituzioni liberaldemocratiche utilizzando come modello l’ascesa al potere del fascismo e del nazionalsocialismo. Ed è proprio questo modo di immaginare le minacce della democrazia a essere messo oggi sempre più spesso in discussione dagli studiosi di politica.

Quasi trent’anni fa, Samuel Huntington proponeva una spiegazione di tre grandi «ondate» di democratizzazione, che dall’inizio dell’Ottocento avevano visto una progressiva espansione dei paesi democratici. Dopo ogni ondata, osservava Huntington, si era sempre registrato anche un «riflusso autoritario». E anche per questo invitava a diffidare dell’ottimismo che era seguito al crollo del Muro e ad attendersi, presto o tardi, un nuovo «riflusso». In effetti alcuni politologi riconobbero una simile inversione di tendenza a partire dal 2006, notando in particolare ciò che stava avvenendo in Russia, in Bielorussia e in Venezuela. E i rapporti annuali di Freedom House – l’organizzazione non governativa che quasi da cinquant’anni monitora costantemente lo stato della libertà del mondo – sembrerebbero confermare la tendenza a un declino globale della democrazia, che nel 2020, dopo quindici anni di costante peggioramento, avrebbe raggiunto la punta più elevata. Non tutti gli studiosi concordano con questa lettura, ma la discussione sulla «crisi della democrazia» impegna comunque sempre più intensamente i politologi.

Alcuni anni fa, Steven Levitsky e Daniel Ziblatt cercarono nei casi di crollo democratico del Novecento una guida in grado di indicare quando un sistema politico corresse realmente il rischio di un’involuzione autoritaria. Più di recente, Adam Przeworski, in Crises of Democracy, ha preso in esame tutti i sintomi del logoramento, attirando l’attenzione soprattutto sulla polarizzazione. Altri si sono invece chiesti come si debba concepire secolo il «riflusso» autoritario nel XXI secolo, e cioè in un contesto ben diverso da quello novecentesco. Prima del 1989 era infatti relativamente semplice individuare una netta linea di demarcazione fra regimi democratici e non democratici. Da una parte si trovavano paesi in cui i governanti erano scelti mediante elezioni competitive. Dall’altra, stavano invece regimi in cui il potere era detenuto – a seconda dei casi – da un partito unico, da un leader autocratico o da una giunta militare, e in cui gli apparati repressivi controllavano stabilmente i dissidenti. A partire dalla fine degli anni Ottanta del secolo scorso le cose sono invece notevolmente cambiate. Nel corso dell’ultimo ventennio un numero crescente di Stati è andato a collocarsi in una sorta di «zona grigia» al confine tra democrazia e non democrazia. Molti regimi non (pienamente) democratici hanno iniziato a ricorrere stabilmente a elezioni, per mostrare al mondo di godere di una forte legittimazione popolare. Gli stessi margini di libertà concessi ai dissidenti e alle forze di opposizione sono diventati più ampi, oltre che variabili a seconda della congiuntura. E anche il lessico politologico si è così arricchito di nuove categorie teoriche, talvolta discutibili, come per esempio «regime ibrido», «democrazia elettorale», «democrazia illiberale», «pseudo-democrazia», «autoritarismo elettorale», «autoritarismo competitivo». Ma proprio alla luce di una simile trasformazione è del tutto legittimo chiedersi se sia ancora calzante l’immagine del «riflusso» autoritario. E cioè se lo si possa concepire ancora nei termini di un backsliding, di uno «scivolamento all’indietro», o se invece questa rappresentazione non rischi di suggerire una lettura distorta. Il problema di fondo sta nelle stesse categorie utilizzate per identificare il punto di partenza e quello di arrivo. L’immagine dello «scivolamento all’indietro» tende infatti a concepire la trasformazione come una transizione dalla democrazia a un regime autoritario (e viceversa). Come hanno osservato Lidia Cianetti e Seán Hanley sul «Journal of Democracy», la traiettoria può invece essere meno lineare. Innanzitutto, perché molti fattori (di breve e lungo periodo) possono interagire tra loro, dando luogo a risultati differenti. Ma anche perché nei «regimi ibridi» i confini tra democrazia e autocrazia sono tanto permeabili da essere soggetti a frequenti mutamenti e a fluttuazioni (in un senso o nell’altro).

Qualche tempo fa, David Runciman ha osservato che l’«immaginazione politologica» è rimasta ferma al Novecento, e cioè continua in larga parte a concepire il crollo democratico sulla scorta delle immagini della marcia su Roma, dell’incendio del Reichstag e dell’assedio della Palazzo della Moneda. Naturalmente, il Putsch non è totalmente scomparso dall’armamentario delle forze antidemocratiche, e in questo caso è sufficiente pensare al recente colpo di Stato in Myanmar. Continuare a immaginare il «riflusso» autoritario come uno «scivolamento all’indietro» potrebbe però davvero finire col deviare il nostro sguardo da cambiamenti altrettanto rilevanti, anche se forse meno clamorosi.

 Damiano Palano

domenica 12 settembre 2021

Il potere fragile delle nuove folle. Dal protagonismo delle piazze alla repressione digitale. Un'analisi da "Vita e Pensiero"



di Damiano Palano

Questa testo - che è uno stralcio da un più ampio articolo pubblicato sulla rivista "Vita e Pensiero" (3/2021) - è apparso sul quotidiano "Il Foglio" il 16 luglio 2021.

Pochi mesi prima di morire, nel marzo 1895, Friedrich Engels scrisse una densa introduzione al volumetto sulle Lotte di classe in Francia, in cui Marx aveva ricostruito gli eventi del 1848. Tornando a rileggere quelle pagine, Engels non esitava a riconoscere come l’intera interpretazione dell’amico scomparso fosse stata viziata da una serie di errori fatali. «La storia», ammetteva Engels, «ha dato torto anche a noi», «ha rivelato che la nostra concezione di allora era un’illusione». Le diverse crisi dell’economia capitalistica non avevano provocato il tanto atteso «crollo» generale, né l’impoverimento crescente delle masse operaie. Ma, soprattutto, alcune trasformazioni tecniche avevano radicalmente modificato le modalità della lotta politica. «Se le grandi città sono diventate notevolmente più grandi», scriveva, «gli eserciti si sono accresciuti ancora di più», e «l’armamento di questa massa di soldati è diventato incomparabilmente più efficace». Le barricate che Marx aveva celebrato in tante occasioni non potevano dunque più rappresentare un esempio cui guardare. La direzione era piuttosto indicata da quanto era avvenuto in Germania, dove il partito socialdemocratico aveva iniziato infatti a partecipare alle elezioni, conquistando consensi sempre più ampi e avviandosi verso quella che appariva come una inevitabile e pacifica presa del potere.

Nel corso del Novecento, le barricate non sono del tutto scomparse dal repertorio dei movimenti di protesta, e talvolta hanno fatto una fugace ricomparsa, come ci ricorda puntualmente l’iconografia del «maggio 68». Ma, come Engels aveva intuito, le vere protagoniste del XX secolo sono state proprio le «masse», organizzate dai partiti nelle democrazie competitive, o mobilitate «dall’alto» nei regimi autoritari e totalitari. E a insidiarne la centralità sono stati semmai il «pubblico» dei lettori di giornali e, più tardi, le platee dello spettacolo televisivo. Negli ultimi decenni – con sempre maggiore intensità – le cose sembrano però essere almeno in parte cambiate, perché la «politica della strada» pare aver riconquistato un ruolo. Non più monopolizzate dalle manifestazioni di regime o occupate dalle bandiere di partito, le piazze sono diventate per molti versi il luogo in cui aggregare l’opposizione al «Palazzo», l’arena in cui esibire una protesta non violenta, pacifica, lontana tanto dall’iconografa delle barricate ottocentesche, quanto dalle manifestazioni del «secolo breve». Molti hanno riconosciuto nelle nuove folle una richiesta di partecipazione diretta alla vita politica, amplificata dalle potenzialità delle nuove tecnologie. E quei rapporti di forza che secondo Engels condannavano all’obsolescenza l’azione delle folle urbane sembrerebbero dunque essersi nuovamente rovesciati. Ma il ritorno delle piazze, che con alterne vicende ha segnato l’ultimo trentennio, potrebbe essere un fenomeno temporaneo, e il potere della loro protesta rischia di rivelarsi nel prossimo futuro nuovamente molto fragile.

 Nelle democrazie consolidate, le piazze hanno mostrato, nel corso dell’ultimo decennio, il volto degli Indignados spagnoli, quello di Occupy Wall Street e di Black Lives Matter, quello indecifrabile dei Gilet gialli in Francia e anche quello inquietante dell’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio 2021. Ma è stato soprattutto nell’Europa orientale, in Nord-Africa e in America Latina che le piazze sono state protagoniste importanti delle dinamiche politiche, nonostante solo in alcuni casi abbiano conquistato la meta che si prefiggevano.  Le rivoluzioni «colorate» in Georgia e Ucraina, all’inizio del nuovo secolo, videro infatti scendere in piazza migliaia di cittadini che, ricorrendo quasi sempre solo alla protesta pacifica, richiesero con successo elezioni regolari e le dimissioni di leader giudicati corrotti. La vittoria ottenuta dai manifestanti contribuì a diffondere in alcuni paesi circostanti analoghe modalità di protesta, e anche più di recente prolungate mobilitazioni contro la corruzione della classe politica hanno avuto come teatro la Moldova (2015), la Macedonia (2016), l’Armenia (2018) e, durante la pandemia, la Bielorussia di Aljaksandr Lukašėnka, oltre che la stessa Russia, in occasione delle proteste contro il trattamento riservato ad Aleksej Naval'nyj. Dieci anni fa, al principio della «Primavera araba», i presidenti al potere in Egitto e Tunisia (Mubarak e Ben Ali) furono deposti proprio in seguito alla pressione popolare. In Libia, Siria e Yemen le proteste assunsero invece quasi immediatamente un profilo violento, che aprì una lunga stagione di conflitti. Ma anche recentemente in altri paesi nord-africani e medio-orientali – Marocco, Algeria, Giordania, Libano e Iraq – la piazza è tornata a farsi sentire per protestare contro la corruzione e gli effetti della crisi. Una dinamica in gran parte differente ha riguardato invece le piazze latinoamericane. Le mobilitazioni dei piqueteros argentini, diventate fenomeno di massa al momento del tracollo dell’economia del paese, nel dicembre 2001, fornirono infatti la prima esemplificazione di una mobilitazione contro le classi dirigenti, al grido «Que se vayan todos!», poi giunta anche in Europa. Le piazze latinoamericane sono spesso tornate a mobilitarsi contro le politiche di austerità, per esempio nel 2019, in Argentina contro il presidente Macrì, in Equador contro Moreno, in Perù contro Vizcarra e in Cile contro Pinera, per i tagli alla spesa pubblica e al rincaro delle tariffe dei mezzi pubblici. Di segno ben diverso sono state invece le mobilitazioni che in Venezuela e Bolivia si sono indirizzate sia contro i rispettivi governi, accusati di aver manipolato le elezioni (oltre che della violazione delle garanzie democratiche), sia a loro difesa, con il ricorso alla violenza da parte di entrambi gli schieramenti. E questo elenco delle mobilitazioni contro i «Palazzi» della politica, che offre solo una rassegna incompleta dei volti che le piazze hanno mostrato quasi in ogni area del mondo, potrebbe continuare ulteriormente, evocando per esempio le mobilitazioni delle «camicie rosse» tailandesi nel 2010 o le proteste degli studenti di Hong-Kong contro il governo di Pechino.

(...)

Continua a leggere: 

- sul sito della rivista "Vita e Pensiero"

- su Academia



domenica 5 settembre 2021

Le costituzioni perdute di Aristotele . Gli "Scritti politici" completi del filosofo in una preziosa edizione curata da Federico Leonardi


Damiano Palano

Dopo quasi duemila e quattrocento anni, ogni discussione su cosa sia la politica deve fare ancora i conti con la definizione dell’essere umano come zoon politikon con cui si apre la Politica di Aristotele. Naturalmente la nostra concezione della politica non è più quella che avevano i Greci e di cui lo Stagirita fissò gli elementi cardinali. Con quella formula, più che a definire la politica, Aristotele puntava d’altronde a chiarire quali fossero i caratteri davvero distintivi degli esseri umani. E quando qualificava la partecipazione alla vita della polis come la più elevata attività cui gli uomini si potessero dedicare, restituiva così un’immagine davvero lontana da quella moderna, plasmata dall’esperienza dello Stato moderno. La Politica non fu comunque l’unico testo che il filosofo dedicò a un tema che riteneva tanto importante. Steso quasi certamente in un periodo di tempo piuttosto lungo, il trattato crebbe infatti contestualmente alla raccolta sistematica di informazioni sulle costituzioni delle città greche cui Aristotele – secondo la testimonianza di commentatori antichi, come soprattutto Diogene Laerzio – si dedicò per decenni. In altre parole, secondo questa ipotesi, la Politica sarebbe per molti versi una sorta di cantiere, cui il filosofo lavorò per molti anni, mentre compiva una meticolosa indagine sull’assetto istituzionale e sulle vidende di centinaia di città-Stato greche, che erano state indipendenti o che lo erano ancora nella seconda metà del IV secolo a.C. Di quelle centinaia di costituzioni non ci è pervenuto quasi nulla. Ciò nondimeno, alcuni studiosi hanno cercato di ricostruire quantomeno una ‘mappa’ di quel lavoro. E di questi tentativi tiene conto la ponderosa edizione degli Scritti politici di Aristotele curata da Federico Leonardi (Rubbettino, pp. 693, euro 48.00), che – oltre alla Politica e alla Costituzione degli Ateniesi – raccoglie testi spesso di incerta attribuzione, come i tre libri dell’Economia, la lettera ad Alessandro sul Regno, i frammenti dei dialoghi politici, oltre che alcune notizie relative alle costituzioni studiate dallo Stagirita e dai suoi allievi.



L’elemento su cui scommette l’edizione curata da Leonardi consiste proprio nella catalogazione delle 148 costituzioni di cui il grecista svizzero Olaf Gigon (1912-1998) ritrovò le tracce essenziali. Com’è noto, l’unica costituzione di Aristotele che ci è pervenuta è quella di Atene. Nel 1879 alcuni papiri, privi di indicazioni sul loro autore, furono ritrovati a Ermopoli, in Egitto. Qualche anno dopo, un paleografo del British Museum, Frederic George Kenyon, riconobbe in quella storia di Atene – in alcuni punti anche piuttosto imprecisa – proprio uno di quei documenti perduti in cui Aristotele (o qualche allievo, sotto la sua direzione) ricostruiva le tappe dell’evoluzione politica e degli assetti istituzionali delle città greche. Anche oggi non tutti gli studiosi sono convinti che il testo della Costituzione di Atene debba essere davvero attribuito ad Aristotele. E negli ultimi decenni la filologia aristotelica ha peraltro sollevato molti dubbi anche sull’idea che la raccolta di costituzioni sia mai esistita. Secondo Gigon – che Leonardi segue (confidando nell’utilità dell’operazione) – le costituzioni invece non solo esistevano, ma il loro numero doveva avvicinarsi a quello riferito da Diogene Laerzio. Lo studioso svizzero giunse a questo numero incrociando i titoli di costituzioni esplicitamente citati in commentari antichi e da autori come Cicerone, ma in particolare ricorrendo ai frammenti o ai riassunti riportati da Eraclide Lembo e Nicola da Damasco. Infine, ipotizzò l’esistenza di testi specifici a partire dai riferimenti a città presenti nelle opere aristoteliche, Gigon giunse al numero complessivo di 148. Nel volume curato da Leonardi, il lettore troverà dunque le informazioni relative a queste costituzioni, a partire naturalmente da quelle di Atene, Sparta, Creta e Cartagine, che peraltro Aristotele considera nella Politica. Ma nel catalogo si trovano anche dettagli relativi a casi assai meno noti. Per alcune città, le notizie sono però davvero scarne, e non di rado sono relative a episodi mitologici. Una simile disomogeneità potrebbe mettere in discussione l’attendibilità della ricostruzione di Gigon. Ma non devono essere trascurate alcune possibili spiegazioni. In alcuni casi Aristotele forse si trovò dinanzi alla difficoltà reperire informazioni, sia perché molte città greche avevano ormai perso la loro autonomia da molti anni, sia perché l’interesse nei confronti della politica andava scemando. Inoltre, i commentatori successivi di cui ci sono pervenuti i frammenti potrebbero aver selezionato i passi a loro avviso rilevanti sulla base della sensibilità ellenistica, che ormai privilegiava gli elementi del fantastico, mentre risultava piuttosto disinteressata ai dati istituzionali e in generale alla politica.

Da considerare con una certa cautela, il catalogo di costituzioni raccolto nel volume curato da Leonardi contribuisce comunque a chiarire, una volta di più, quale fosse l’approccio di Aristotele allo studio della politica. Anche se ci resta ben poco dei materiali che andarono ad alimentare quel cantiere, la ricerca filosofica dello Stagirita si fondava infatti su una conoscenza storica della vita delle comunità, basata sulla raccolta di documenti attendibili. L’indagine sulla miglior forma di governo scaturiva così da una comparazione, per molti versi, di taglio ‘politologico’. E per quanto il catalogo compilato da Gigon sia destinato a sollevare interrogativi sull’archivio perduto delle antiche costituzioni, la nuova edizione degli scritti politici di Aristotele rimane uno strumento utile. Che conferma, una volta di più, come lo studio dell’«animale politico» non possa fare a meno del filosofo di Stagira.

Damiano Palano

 

 

lunedì 26 luglio 2021

La politica in un mondo vulnerabile. Dentro e oltre la pandemia, un libro di Vittorio Parsi


di Damiano Palano

 All’inizio degli anni Settanta del Novecento la crisi energetica arrestò improvvisamente la crescita delle società occidentali. La letteratura futurologica iniziò a dipingere scenari inquietanti. Secondo alcuni osservatori, la fine del «Progresso» poteva addirittura indirizzare verso un periodo oscuro, una sorta di «nuovo Medioevo» dominato dall’insicurezza, dalla violenza e dalla scarsità. Nessuno degli scenari dipinti allora si materializzò, e molti dei fattori che avevano innescato la crisi alcuni anni dopo sembrarono tornare sotto controllo. Ciò nonostante, quegli esercizi di ‘futurologia’ coglievano linee di tensione reali e aiutavano a focalizzare l’attenzione sui rischi che poneva la transizione verso una società post-industriale. Ed è per questo stesso motivo che anche oggi – dinanzi alla sfida radicale, rappresentata per tutto il pianeta dalla pandemia – è indispensabile tentare di immaginare come sarà il nostro futuro. Non certo perché un simile esercizio possa davvero contribuire a ‘prevedere’ gli eventi. Ma perché riconoscere le tensioni di oggi ci può consentire di rispondere più rapidamente alle crisi di domani. E forse anche di stimare le conseguenze che avranno le decisioni che adottiamo oggi.



Proprio come un esercizio di «immaginazione politologica» deve essere letto il nuovo di libro di Vittorio Emanuele Parsi, Vulnerabili: come la pandemia sta cambiando la politica e il mondo. La speranza e il rancore (Piemme, pp. 206, euro 16.90), un testo che è in larga parte diverso, oltre che più ricco, rispetto all’omonimo e-book uscito con il medesimo titolo un anno fa. Nel pieno del «confinamento», nell’aprile 2020 il politologo delineò infatti tre possibili scenari alternativi, verso cui l’irruzione del Covid-19 avrebbe potuto indirizzare le dinamiche globali. A dodici mesi di distanza, le cose sono in parte cambiate, nel senso che la crisi sanitaria si è rivelata molto più duratura rispetto a quanto allora si sperasse, con inevitabili e ulteriori ripercussioni sul tessuto economico-sociale. E Parsi torna dunque sui tre scenari, approfondendo l’analisi e precisandone i contorni. La pandemia ci ha fatto scoprire il ‘lato oscuro’ dell’interdipendenza, di quella globalizzazione che nel corso dell’ultimo trentennio ha cambiato il volto del pianeta, aprendo molte possibilità, ma anche generando nuovi rischi. «Con il Covid-19», scrive Parsi, «l’umanità si è riscoperta vulnerabile», come l’equipaggio di «una nave senza timone». Al di là delle conseguenze della crisi sanitaria, la consapevolezza della vulnerabilità potrebbe avere ricadute rilevanti sulle tendenze globali. Nel primo scenario – la «Restaurazione» - si potrebbe assistere a una semplice riedizione dell’iperglobalizzazione che abbiamo conosciuto, forse con il ridimensionamento di alcuni progetti e comunque con l’ulteriore crescita delle diseguaglianze nelle democrazie occidentali. Nel secondo scenario – identificato dalla suggestiva formula della «fine dell’Impero Romano d’Occidente» – il dato principale sarebbe invece la «de-globalizzazione»: la riduzione del commercio a lungo raggio, con la frammentazione del globo in sfere di influenza, il recupero delle sovranità nazionali e una spinta verso l’autoritarismo. L’ultimo scenario – il «Rinascimento» – è invece segnato da una regolazione politica del mercato globale, capace di ridurre le diseguaglianze e di stabilizzare la stessa economia. Ciò cui pensa Parsi è una sorta di New Deal globale: una versione aggiornata dell’ordine internazionale liberale post-bellico e all’altezza della sfida posta dall’interdipendenza, ma il cui perno dovrebbero essere ancora una volta gli Stati Uniti. In altre parole, l’alternativa a un mercato senza regole, ma anche al capitalismo di Stato di matrice cinese, sarebbe un «riequilibrio del rapporto tra politica ed economia, tra democrazia e mercato, tra libertà e solidarietà», in grado di trarre un importante insegnamento dalla lezione della vulnerabilità. Ma affinché questo scenario diventi almeno in parte reale, la politica dovrebbe riconquistare la capacità di immaginare al futuro. Una capacità senza la quale l’attività di governo e la discussione pubblica, schiacciate sulla gestione del presente, rischiano di ridursi semplicemente allo sfruttamento del rancore, del risentimento, della paura.

Damiano Palano

lunedì 7 giugno 2021

La democrazia ha bisogno ancora di un mondo liberale? A proposito di G. John Ikenberry, "Un mondo sicuro per la democrazia" (Vita e Pensiero)


Di Damiano Palano

Questa recensione al volume di G. John Ikenberry, Un mondo sicuro per la democrazia. Internazionalismo liberale e crisi dell’ordine globale (Vita e Pensiero, pp. 389, euro 30.00), è apparsa su "Huffington Post" il 26 maggio 2021. 

Il 2 aprile del 1917, il presidente americano Woodrow Wilson si presentò al Congresso per richiedere il sostegno all’entrata in guerra degli Stati Uniti. Il conflitto stava sconvolgendo il Vecchio continente da quasi tre anni e nell’opinione pubblica d’oltreoceano erano andate crescendo le posizioni che auspicavano l’abbandono dell’isolazionismo. Esponendo i celebri «quattordici punti», Wilson non si limitò però a richiedere che le camere si esprimessero a favore della guerra contro la Germania. Il presidente illustrò la visione di un nuovo ordine internazionale, ben lontano da quello contrassegnato dalla diplomazia segreta, dalla politica di potenza, dal militarismo. Il nuovo ordine doveva fondarsi sulla soppressione dei trattati segreti, sulla libertà del commercio marittimo, sulla riduzione degli armamenti, sul principio di autodeterminazione nazionale e sulla creazione di un’organizzazione internazionale capace di tutelare la sicurezza e l’integrità degli Stati membri. Wilson chiedeva dunque ai propri concittadini di entrare in guerra con uno spirito radicalmente differente da quello che in Europa aveva scatenato conflitti sanguinosi. La vittoria doveva infatti puntare a rendere il mondo un posto «sicuro per la democrazia».

La realizzazione del progetto di Wilson, come sappiamo, si rivelò subito ben più problematica di quanto il presidente americano ritenesse. Alla fine della guerra, gli Stati Uniti decisero infatti di trincerarsi nel loro tradizionale isolazionismo, senza entrare nella Società delle Nazioni. A Versailles ricomparirono in scena le ambizioni di potenza dei vincitori europei, e lo stesso principio di autodeterminazione dei popoli innescò tensioni laceranti. Nonostante tutti questi limiti, Wilson può essere davvero ritenuto il primo grande alfiere – se non davvero il padre – dell’internazionalismo liberale che ha plasmato l’ultimo secolo. Ed è anche per questo che G. John Ikenberry utilizza proprio le parole del presidente dei «quattordici punti» per intitolare il suo ultimo libro, Un mondo sicuro per la democrazia. Internazionalismo liberale e crisi dell’ordine globale (Vita e Pensiero, pp. 389, euro 30.00). 



In questo nuovo lavoro, il politologo di Princeton – che è uno dei principali esponenti contemporanei della scuola «liberale» di Relazioni Internazionali – dipinge uno straordinario affresco delle origini e delle trasformazioni di quello specifico internazionalismo di cui Wilson fu il visionario precursore. E porta innanzitutto in superficie i diversi fili intellettuali che, al principio del Novecento, si intrecciarono in una trama unitaria e in un insieme organico di proposte politiche. In precedenza, a nutrire l’ambizione di un mondo più pacifico erano stati per esempio Adam Smith, Jeremy Bentham e Immanuel Kant. Ognuno di loro aveva riflettuto sulle condizioni in grado di ridurre il ricorso alla guerra, giungendo così a sottolineare, a seconda dei casi, l’importanza dello sviluppo di relazioni commerciali, di istituzioni internazionali e di un’organizzazione sovranazionale di repubbliche. Nella sua ricostruzione Ikenberry torna a queste matrici intellettuali, ma si sofferma in special modo sulla svolta rappresentata da Wilson e poi da Franklin D. Roosevelt, perché entrambi i presidenti contribuirono a suo avviso in modo determinante alla costruzione dell’ordine internazionale liberale novecentesco.

Il politologo invita però a non considerare l’internazionalismo liberale come un progetto dai contorni utopistici volto a trasformare il mondo. Il punto principale di questa visione è infatti rappresentato dalla difesa della democrazia liberale. Quando Wilson sosteneva che gli Stati Uniti dovevano entrare in guerra per rendere il mondo un posto «sicuro per la democrazia», non puntava cioè a esportare la democrazia liberale nel mondo. L’obiettivo era semplicemente quello di creare le condizioni internazionali che ponessero le democrazie al riparo da tensioni, turbolenze, conflitti. Il progetto wilsoniano si rivelò in parte inattuabile dopo la Prima guerra mondiale, e d’altronde si scontrò con la stessa decisione americana di non sostenere la Società delle Nazioni. Il fragile ordine liberale fu così rapidamente travolto dalla chiusura economica e dalla formazione di blocchi antagonisti. Ma vent’anni dopo, scendendo in campo contro potenze dell’Asse, Washington riprese il vecchio progetto, in cui Roosevelt iniettò una consistente dose di realismo. Il nuovo ordine internazionale liberale, le cui basi furono gettate a Bretton Woods, avrebbe dovuto innanzitutto promuovere un’economia internazionale aperta, in cui le democrazie avrebbero trovato la garanzia di una crescita stabile. E, rispetto allo scenario immaginato da Wilson, l’ordine nato dopo la Secondo guerra mondale si fondò soprattutto sull’egemonia degli Stati Uniti, coinvolgendo solo i paesi occidentali.

Dopo l’Ottantanove le cose sono cambiate, e l’ordine liberale ha assunto una dimensione planetaria. E per alcuni proprio da questa estensione è scaturita la crisi. Da più di un decennio, non pochi politologi hanno iniziato infatti a riconoscere degli evidenti segnali di logoramento nel progetto liberale. John Mearsheimer, rispolverando i vecchi sospetti degli studiosi realisti, ha visto nel liberalismo un’intrinseca tendenza espansionista, destinata a generare conflitti. Altri, come per esempio Charles Kupchan, hanno sottolineato invece la novità di uno scenario che non avrà più come protagonisti i paesi occidentali. Ma al centro della discussione è stata posta soprattutto la «trappola di Tucidide», ossia l’ipotesi che, prima o poi, gli Stati Uniti si trovino a fare i conti con l’ascesa cinese. Secondo Ikenberry, la direzione verso cui guardare nel prossimo futuro è invece ancora quella indicata da Wilson un secolo fa: «creare uno ‘spazio’ internazionale per la democrazia liberale, conciliare i dilemmi della sovranità e dell’interdipendenza, preservare le protezioni e i diritti entro e tra gli Stati». Naturalmente il politologo di Princeton non può evitare di considerare le crepe che sembrano minare la stabilità dell’assetto sorto dopo il 1945, e che non riguardano soltanto l’ascesa di nuove potenze «illiberali». Proprio negli Stati Uniti la presidenza di Donald Trump ha contestato il principio dell’apertura commerciale su cui si fondava il sistema di Bretton Woods. Richieste di «proteggersi» dalle insidie dei mercati globali sono inoltre emerse più o meno in tutti paesi occidentali. Qualche anno fa, Ikenberry tendeva a ridimensionare le preoccupazioni sullo stato di salute dell’ordine liberale. I successi conseguiti da Cina e Russa, osservava, dipendevano proprio dalla loro integrazione all’interno del sistema globale di scambi commerciali. E, inoltre, il loro progetto autocratico non sembrava poter condurre realmente a una nuova contrapposizione bipolare. Oggi lo studioso sembra invece guardare con maggiore preoccupazione all’ascesa cinese. L’integrazione del gigante asiatico nell’ordine liberale non ha infatti condotto a misure di liberalizzazione politica, e ha piuttosto rafforzato le ambizioni geopolitiche di Pechino. La soluzione per Ikenberry non va però nella direzione di una revoca dei principi dell’internazionalismo liberale. L’Occidente dovrà invece concepire soluzioni adeguate alle sfide del cambiamento climatico e alla realtà dei flussi globali, combinando lo spirito visionario di Wilson e il pragmatismo di Roosevelt. Ma anche se non tutti si troveranno probabilmente a concordare con le sue proposte, è difficile non riconoscere l’importanza del nesso che sottolinea nel suo libro. E cioè che nei prossimi decenni, pur in uno scenario completamente diverso da quello di un secolo fa, l’esistenza di un ordine internazionale liberale rimarrà ancora la condizione principale – se non certo l’unica – per rendere il mondo un «posto sicuro» per la democrazia.

Damiano Palano

 

 

sabato 10 aprile 2021

Costantino Mortati e il potere del popolo. Ripubblicata "La teoria del potere costituente"

di Damiano Palano

«La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione». La formula solenne che troviamo nel primo articolo della nostra Carta costituzionale è stata spesso invocata negli ultimi decenni, seppur con intenti differenti. Alcuni ne hanno richiamato soprattutto la prima parte, per lamentare che in realtà al popolo era stato sottratto lo scettro del potere. Mentre altri, mettendo in guardia dalla seduzione «populista», hanno attirato l’attenzione sul fatto che il potere sovrano del popolo può esercitarsi soltanto nelle forme e nei limiti previsti dalla Costituzione, e cioè mediante i meccanismi e vincoli della rappresentanza parlamentare. Simili discussioni non sono nuove. Il problema di incardinare la sovranità del popolo all’interno dell’alveo istituzionale, e dunque all’interno di una serie di limitazioni invalicabili, non è infatti solo un prodotto delle tensioni che vivono le democrazie contemporanee. All’indomani della Seconda guerra mondiale, anche i costituenti italiani si trovarono alle prese con quel cruciale interrogativo. Per molti di loro, non poteva infatti essere sufficiente riprendere i modelli che avevano preceduto l’avvento del fascismo. La politica di massa e le grandi promesse della democrazia richiedevano cioè strumenti nuovi, capaci di realizzare la promessa di rendere il popolo sovrano. Un esempio davvero importante della discussione che si svolse nei mesi che precedettero e accompagnarono la stesura della Carta è senz’altro offerto da La teoria del potere costituente di Costantino Mortati, di recente riproposto in un’edizione curata da Marco Goldoni (Quodlibet, pp. 156, euro 16.00). 

In vista della discussione sulle forme istituzionali da dare alla nuova stagione democratica, in quel testo Mortati – che nel 1946 fu eletto alla Costituente nelle liste della Democrazia Cristiana – si poneva il problema di come intendere il «potere costituente». E riproponeva alcune delle tesi formulate nel quindicennio precedente, nel corso di una riflessione che – per quanto segnata dalla temperie ideologica impressa dalla dittatura – esercitò un’influenza notevole anche sul modo in cui i costituenti immaginarono la nascente democrazia di massa. Nel suo famoso libro La costituzione in senso materiale, pubblicato nel 1940, Mortati aveva sostenuto che, per comprendere davvero cosa fosse una costituzione, non ci si potesse limitare a considerare le disposizioni normative, ma si dovesse individuare la «forza materiale» che la sostiene e che promuove i fini politici fondamentali. Riproponendo questa visione all’indomani della guerra, Mortati non riteneva esistesse un vero e proprio scarto tra potere costituente e potere costituito: nel momento cui emerge, osservava, il potere costituente innesca già un processo di organizzazione e di differenziazione sociale. In altre parole, quando nella società si delinea una «forza materiale», il processo di differenziazione sociale e dunque la formazione normativa hanno già preso avvio. In questo senso, Mortati scriveva allora che, per l’esercizio del potere costituente, «è necessario fare riferimento al popolo articolantesi secondo un principio di aggregazione più complesso, cioè raccolto in un ordine concreto presidiato da un’idea politica, e rivolto al consolidamento del medesimo attraverso la creazione di un potere coattivo».  Nella nuova stagione democratica, la «forza materiale» in grado di strutturare la società doveva essere però riconosciuta nei partiti, intesi nella loro pluralità. Ed era anche per questo che il giurista calabrese si esprimeva con forza a favore del sistema elettorale proporzionale.

Rileggendo oggi le pagine di Mortati non possiamo che riconoscere i limiti di una costruzione dottrinaria che assegnava pressoché esclusivamente ai partiti il compito di tradurre in realtà politica la sovranità popolare. Ed è persino superfluo ricordare come l’attuazione di quel modello fosse destinata a rivelarsi deludente, incompleta e tutt’altro che priva di implicazioni negative. Ma forse ci possiamo domandare se proprio quella concezione del partito che i Costituenti posero alle fondamenta dell’edificio repubblicano non fosse una condizione cruciale della democrazia. Tanto che oggi possiamo persino chiederci se, insieme a quelle grandi (e spesso persino inquietanti) macchine che furono i partiti di massa, non si vadano sgretolando anche le basi su cui si reggeva la democrazia novecentesca.

Damiano Palano

sabato 27 marzo 2021

Il Leviatano è la democrazia? Il "totalitarismo rovesciato" secondo Sheldon Wolin. Dieci anni dopo

 
Dieci anni fa su questo blog veniva pubblicato il primo post, dedicato al volume di Sheldon Wolin "Democrazia SPA". In questi dieci anni il mondo è davvero cambiato, ma i libri di Wolin - scomparso nel 2015 - rimangono ancora una fonte preziosa a cui attingere.


di Damiano Palano 

Questa recensione al libro di Sheldon Wolin, Democrazia SPA. Stati Uniti: una vocazione totalitaria? (Fazi. Pagine 494. Euro 24.00), è apparsa su quotidiano "Avvenire" il 19 marzo 2011.

Nelle pagine finali della Demo­crazia in America, Tocqueville formulava la sua famosa profe­zia sulla minaccia che incombeva sul futuro della società democratica. Dopo aver tessuto un elogio quasi incondi­zionato dell’esperimento americano, si soffermava infatti sull’eventualità che proprio una società libera ed egualita­ria come quella americana potesse dar vita a un nuovo dispotismo. Secondo Tocqueville, «una folla innumerevole di uomini eguali, intenti solo a procurar­si piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri», correva il ri­schio di essere completamente domi­nata da un nuovo potere: un potere «as­soluto, particolareggiato, regolare, pre­vidente e mite», che «estende il suo braccio sull’intera società».


Variamente interpretata nel corso del tempo, la vecchia profezia di Tocquevil­le alimenta anche il nuovo libro di Shel­don Wolin, Democrazia S.p.A. Stati Uni­ti: una vocazione totalitaria?. Ma Wolin, proponendo una tesi senza dubbio piut­tosto radicale, va oltre il pessimismo di Tocqueville, perché ritiene che il sistema americano si sia gradualmente trasfor­mato in un 'totalitarismo rovesciato'. Benché possa destare più di qualche comprensibile perplessità, la tesi di Wo­lin ha alla base un esame piuttosto ar­ticolato. D’altronde, Wolin, autore del famoso Politica e visione (Il Mulino), pubblicato per la prima volta nel 1960, è uno tra i più importanti e raffinati stu­diosi americani di teoria politica.

A quasi novant’anni (è nato nel 1922), Wolin non ha perso nulla del vigore po­lemico e del rigore analitico mostrato nei suoi primi saggi. Apparso negli Sta­ti Uniti nel 2008 e vincitore del Lannan Notable Book Award,
 Democrazia S.p.A. nasce infatti sull’onda della severa cri­tica all’amministrazione di George W. Bush, anche se non è certo un pamph­let schiacciato sulla cronaca. Il 'totali­tarismo rovesciato' secondo Wolin co­stituisce in realtà l’eredità più ingom­brante della vittoria americana nella se­conda guerra mondiale. Se il New Deal aveva sancito una prima grande mobi­litazione delle energie del paese, l’im­pegno bellico rafforzò ulteriormente questa tendenza, ma, soprattutto, in­trodusse l’idea che gli sforzi fossero ne­cessari per sconfiggere il nemico. Da quel momento, due elementi hanno contrassegnato in modo indelebile la democrazia americana: da un lato, l’e­stensione di un potere statale sempre più sottratto al controllo popolare (co­me nel caso di tutte le questioni di po­litica estera e strategia militare); dal­­l’altro, la nascita e la legittimazione di un nuovo 'elitarismo', inteso come an­tidoto all’ignoranza delle masse. Il 'to­talitarismo rovesciato' scaturisce pro­prio da queste trasformazioni. E, in qualche modo, segna la fusione fra il di­spotismo profetizzato da Tocqueville e il potere del Leviatano hobbesiano.

Da molte pagine di Wolin traspare in modo evidente la protesta contro Bush e la guerra in Iraq. E proprio per questo alcuni degli argomenti sviluppati nel vo­lume possono apparire oggi superati. Sarebbe però probabilmente superfi­ciale liquidare
 Democrazia S.p.A. come il tardivo sfogo di un intellettuale im­pegnato, o come la romantica celebra­zione di un’irrealizzabile democrazia partecipativa. Al fondo della vocazione 'totalitaria' sta infat­ti, secondo Wolin, so­prattutto la perdita di riferimenti al bene comune, se non, ad­dirittura, l’idea che un bene comune non esista affatto. E, d’altronde, l’antido­to cui pensa Wolin non è per niente ro­mantico, perché evoca l’immagine di u­na «controélite di amministratori pub­blici democratici», in grado di recupe­rare – e di far recuperare ai cittadini – il senso stesso della convivenza comune. Perché, come scrive, «alla base dell’idea di collettività c’è la convinzione che la cura e le sorti della cosa pubblica siano di interesse comune», «che siamo tutti coinvolti perché ciascuno di noi è im­plicato nelle azioni e nelle decisioni che vengono giustificate a nome nostro». 

Damiano Palano



venerdì 26 marzo 2021

Il declino dei partiti in attesa di un vaccino contro l’anti-politica. Un articolo di Gianfranco Fabi



di Gianfranco Fabi*

In pochi giorni è completamente cambiato lo scenario della politica italiana. In rapida successione abbiamo assistito: alla crisi del Governo dell’alleanza Pd-5Stelle, agli affannosi e pasticciati tentativi di raccogliere nuovi voti per la vecchia maggioranza, all’incarico a Mario Draghi, alla formazione di un Governo di (quasi) unità nazionale, alla rottura dell’alleanza di centro-destra, alla spaccatura del Movimento 5Stelle con l’avvio del processo per l’insediamento di Giuseppe Conte come virtuale nuovo capo politico, alle dimissioni di Nicola Zingaretti da segretario del Pd con la successiva rapida nomina di Enrico Letta. Il tutto in una società italiana sempre più divisa e angosciata per le ondate della pandemia e per le difficoltà con cui avanza la strategia delle vaccinazioni.

Il declino dei partiti

Un bilancio è perlomeno prematuro, ma c’è nell’analisi politica un elemento di metodo che sta diventando sempre più importante. Non basta infatti leggere queste dinamiche con i vecchi schemi, ma è almeno utile guardare almeno in controluce le trasformazioni sociali, trasformazioni sempre più accelerate per l’effetto congiunto di pandemia a rivoluzione tecnologica.

Il primo dato di fondo è allora l’evidente declino della tradizionale forma del partito, una forma di cui il Pd è stato e probabilmente resta il più fedele rappresentante.

Le due principali aggregazioni politiche, i 5S e la Lega sono infatti qualcosa di diverso dai partiti del passato, figli in parte illegittimi di quella “società liquida” a cui sono affezionati coloro che hanno letto i risvolti di copertina dei libri di Zigmunt Baumann (copyright Edmondo Berselli).

Il simulacro di democrazia diretta

Così i Cinque stelle come la Lega hanno caratteri comuni: sono un partito personale dei leader senza alcuna logica di partecipazione reale e personale degli iscritti. Il simulacro di democrazia diretta degli iscritti alla piattaforma Rousseau dimostra quanto sia velleitario simulare una condivisione delle scelte.

Lega e 5S hanno peraltro caratteri e ispirazioni chiaramente post-ideologiche. Una dimensione macroscopica per i 5S che sono passati con un’evoluzione senza scrupoli dall’alleanza con la Lega a quella con il Pd per poi accettare, pur con qualche mal di pancia, il Governo “tecnico-politico” di Mario Draghi.

E nella Lega convivono l’ansia barricadiera di Matteo Salvini con il pragmatismo europeista di Giancarlo Giorgetti nel più classico schema del partito di lotta e di Governo. Una Lega peraltro in difficoltà di fronte alle clamorose inefficienze del sistema sanitario nella regione, la Lombardia, dove è al Governo dal 1994 prima nella giunta guidata da Roberto Formigoni, poi conquistando anche la presidenza con Roberto Maroni e negli ultimi tre anni con Attilio Fontana. 

La tragedia greca del Pd

Del tutto diverso, ma non meno rilevante, è la travagliata vicenda del Partito democratico, una vicenda da tragedia greca con l’onda drammatica delle dimissioni di un segretario che annuncia pubblicamente di vergognarsi del partito che lui stesso ha guidato negli ultimi mesi.

Quello che unisce tutte queste vicende, e che spiega la convulsa evoluzione della politica italiana, è indubbiamente lo scenario economico, ma soprattutto sociale, in cui si è trovata l’Italia per fattori esterni, innanzitutto la pandemia, che si sono innestati su di una situazione di complessiva fragilità.

Non si scopre nulla di nuovo se si parla di deriva dei partiti, di dispersione sociale, di continua perdita di competitività sul fronte economico. Elementi che si sono innestati su di una dinamica più profonda che ha frammentato ed eroso il consenso politico e compromesso il rapporto tra i cittadini e lo Stato.

Gli strumenti per decifrare la complessità

Per decifrare queste tendenze possono essere utili due particolari prospettive.

La prima è quella messa in luce da Damiano Palano, docente alla Università Cattolica, nel suo ultimo libro “Bubble Democracy. La fine del pubblico e la nuova polarizzazione” dove si descrive la frammentazione di una società in cui l’individualismo va di pari passo con la relativizzazione di ogni principio e di ogni valore.

La seconda è quella descritta da David Djaiz, docente a Parigi a Sciences-Po (vi ricorda qualcosa?) nel libro con un titolo mezzo inglese e mezzo francese, “Slow democratie” in cui, parlando peraltro non solo dell’Italia, si contrappone il periodo attuale a quello che viene chiamato il trentennio glorioso, gli anni del Dopoguerra in cui la crescita economica e la ricostruzione hanno fatto crescere e quasi esaltare la dimensione del ceto medio. Proprio quel ceto medio il cui sfarinamento è stata e continua ad essere una delle caratteristiche degli ultimi anni. 

La sempre più compromessa credibilità del ceto politico

Se incrociamo queste due analisi abbiamo le radici del declino dei partiti e della politica: dove la protesta ha sempre di più avuto la meglio sulla proposta (e questo spiega la fase ascendente negli anni passati della parabola di Lega e 5S) e dove la mancanza di pragmatismo e di competenza hanno compromesso la credibilità del ceto politico.

Il contrasto alla pandemia, con l’obbligo di quello che non a caso è stato chiamato “distanziamento sociale”, ha accentuato la tendenza a chiudersi in una bolla (quella descritta da Palano), a considerare individualmente come esclusivi i propri gusti, le proprie tendenze, i propri valori. E nello stesso ha colpito dal profilo economico quella grande fascia del ceto medio costituita da artigiani, commercianti, ristoratori, piccole imprese familiari (quel ceto medio indicato da Djaiz come spina dorsale della società nel secolo scorso).

Dahrendorf e il suicidio di Zingaretti

Non può sorprendere che in questo scenario i partiti si siano trovati e si trovino isolati e spaesati alla ricerca di punti di riferimento e di agganci con gli elettori sviluppando, come scriveva già dieci anni fa Ralf Dahrendorf, «una diffusa apatia, se non un vero e proprio cinismo, nei riguardi della politica». E peraltro i partiti stessi hanno contributo a far perdere credibilità: come è avvenuto quando (quasi) tutti hanno fatto dell’antipolitica la propria bandiera nel referendum sul taglio dei parlamentari.

Nel concreto si può anche ricordare come la scivolata di Zingaretti verso il proprio suicidio politico come segretario del Pd abbia una data precisa: il 29 giugno del 2020, festa di San Pietro e Paolo, il giorno in cui il Corriere della Sera pubblicava in prima pagina una sua lettera in cui annunciava una coraggiosa riforma del sistema sanitario che sarebbe stata finanziata con i fondi europei del Mes.

La speranza

A nove mesi di distanza i problemi delineati sono ancora tutti aperti. Il Pd, forza di governo, non è riuscito ad ottenere nulla di quanto in maniera estremamente chiara ed esplicita aveva proposto. Dimostrando un ruolo del tutto subalterno rispetto ai 5Stelle e del loro irresponsabile rifiuto dei fondi europei. E facendo trovare il Paese ancora impreparato di fronte alla seconda e terza ondata della pandemia tanto che le misure per contenerla hanno di nuovo avuto un prezzo molte forte per la chiusura delle scuole e il blocco delle attività commerciali, un prezzo che avrebbe potuto essere limitato con una strategia di prevenzione, tracciamento e rafforzamento della medicina territoriale.

Quello che unisce le figure di Draghi, di Letta, di Giorgetti, di Conte (quest’ultimo almeno auspicabilmente nella sua veste di guida dei 5S) a cui possiamo aggiungere il nuovo protagonismo di Silvio Berlusconi, è almeno la speranza di un ritorno della politica della concretezza rispetto al velleitarismo, del costruire rispetto ai miti della decrescita e del no-tutto.

Peccato che non sia stato ancora trovato un vaccino per evitare che la politica faccia autogol. E che aiuti a tornare protagonista una società civile che esiste ancora. Non soltanto come slogan, ma nelle mille realtà che sanno unire la competenza alla solidarietà.

Gianfranco Fabi, classe 1948, laureato in scienze politiche, indirizzo economico-internazionale, giornalista professionista dal 1974. Ha iniziato a "Il Giornale del popolo" di Lugano, poi dal ’79 per trent’anni al Sole-24 Ore (per venti come vice-direttore). Dal 1987 al 1990 vice-direttore del settimanale Mondo Economico. Ha diretto Radio 24. E poi la Rivista del Banco popolare. Ora giornalista indipendente. Insegna “Tecniche e scenari della comunicazione economica” all’Università Carlo Cattaneo (Liuc) di Castellanza. È Presidente di Argis, Associazione di ricerca per la governance dell'impresa sociale. Sposato, due figli e (grazie a loro) nove nipoti.

mercoledì 24 marzo 2021

L’asse geopolitico della storia. Il celebre saggio di Halford John Mackinder



di Damiano Palano

Questa recensione al volume di Halford John Mackinder, Il perno geografico della storia. Ovvero il pivot d’Asia, è apparsa su quotidiano "Avvenire".

Secondo quanto racconta un vecchio aneddoto, negli anni Settanta un redattore del «Washington Post», leggendo un pezzo inviato al giornale da Henry Kissinger, si imbatté nel termine «geo-politica». E, pensando si trattasse di un refuso, lo corresse in «ego-politica». La storia non è molto credibile, ma è comunque un buon indicatore della pessima fama che circondò per decenni la geopolitica. Questo campo di studi fu in effetti bandito dall’accademia occidentale fino agli anni Novanta, a causa della sua identificazione con la Geopolitik nazista. Senza dubbio gli studi di geopolitica furono coltivati nella Germania hitleriana, e in particolare Karl Haushofer fu il principale esponente di un filone che pose al centro la relazione fra spazio e potere. Ma la storia della geopolitica inizia diversi anni prima, con Friedrich Ratzel, con lo svedese Rudolf Kjellen, con l’ammiraglio statunitense Alfred Thayer Mahan. Ma fu per molti versi lo studioso britannico Halford John Mackinder (1861-1947), con il suo saggio Il perno geografico della storia. Ovvero il pivot d’Asia (ora pubblicato in italiano, con una prefazione di Giuseppe Farinelli, dall’editore Le due Rose, pp. 115, euro 14.00), a delineare i termini di un approccio che si proponeva di comprendere le relazioni internazionali a partire dalla geografia. 

Se la vecchia tradizione europea aveva concepito la politica internazionale come il regno dell’equilibrio di potenza, con la geopolitica lo sguardo si spostò invece sulle grandi masse continentali. Mahan aveva sostenuto che le sorti della politica mondiale si giocassero sempre attorno al rapporto fra Terra e Mare, fra potenze terrestri e potenze marittime. Presentando le proprie ipotesi nel 1904 alla Royal Geographical Society, Mackinder aggiornò invece quell’immagine, spinto dalla convinzione che i collegamenti ferroviari – e dunque la possibilità di spostare rapidamente le truppe grazie alla strada ferrata – ridimensionassero notevolmente la centralità che in passato aveva avuto il controllo del mare. Più precisamente, Mackinder individuò una specifica area geografica, una «Pivot Area» (poi ribattezzata Heartland), che riteneva decisiva per il controllo della politica mondiale. Il «cuore» del mondo si trovava a suo avviso nell’area compresa tra l’Europa centrale e la Siberia occidentale. Chi avesse conquistato l’Heartland si sarebbe assicurato la supremazia sull’intera Eurasia, oltre sull’intero mondo. Ciò comportava dunque la necessità di impedire che la potenza tedesca riuscisse a estendere il proprio dominio verso Est. E l’unico modo per contrastare l’ascesa della Germania appariva un’alleanza fra le due potenze atlantiche, Stati Uniti e Impero britannico.

Nel vecchio saggio di Mackinder non si può naturalmente trovare una bussola per orientarsi nella politica contemporanea. Ma rileggere le pagine del geografico britannico può essere ancora utile per tornare a riflettere sul rapporto fra il potere e lo spazio nel mondo globalizzato, e dinanzi a un contesto profondamente modificato dalla rivoluzione tecnologica.

 Damiano Palano

lunedì 22 marzo 2021

Call for papers - SISP Conference 2021 - Panel "Genealogy of Populism: Concepts, Ideas and Movements" - OPEN


 


 

Il Convegno SISP 2021 si terrà online nelle giornate del 9-10-11 Settembre 2021. 

Per informazioni sul Convegno, assistenza nella presentazione dei panel e dei paper è possibile scrivere a convegno2021@sisp.it 

Call for papers - SISP Conference 2021

The call for papers is now open. 

Panel 2.2. "Genealogy of Populism: Concepts, Ideas and Movements" (Section "Political Theory")

Chair: Damiano Palano 

  • Paper submission start: Monday 22nd March 2021
  • Submission deadline: Monday 17th May 2021
  • The SISP Conference 2021 will be online (9-10-11 September 2021).
  • For submission: www.sisp.it

The word "populism" has enjoyed enormous success in the last two decades, and studies on populist movements and leaders have multiplied in the social sciences at an impressive rate. In spite of the term's success, there is no shared conception among scholars of "what" populism is, nor is there a common idea of what its constituent elements are. The difficulties in defining populism also arise from the genealogy of this concept and from the ways in which it was constructed in the last century. The roots of contemporary polysemy of the word are indeed the legacy of a rather complex historical course. Quite singularly, however, many scholars of populism seem unaware of this genealogy. Critical reflection on the genealogy of the contemporary concept of populism has not been adequately developed by specialized literature, and this absence contributes to consolidating an acritical use of the concept.

This panel intends to contribute to “mapping” the genealogies of the concept of populism and of those elements—stylistic, ideological, organizational—that we can recognize in contemporary populism.
This panel also invites papers that contribute to enriching research on the genealogy of populism, in relation both to the construction and re-elaboration of the concept as well as to the rhetorical, ideological and organizational tools that characterize contemporary populist movements.
In particular, this Special Issue invites papers focused on the following points:
• The genealogy of the word "populism", with particular regard to the birth of the term in the United States of the nineteenth century;
• The genealogy of "populism" in Russia, from the origins of the "Narodnichestvo" to the contemporary "populizm";
• The use of the notion of "populism" in the social sciences of the twentieth century;
• The meaning of the word "populism" in Latin America, from the 1950s to the present day (with reference also to economic policy programs);
• The meaning of the word "populism" in Europe, from the beginning of the twentieth century until today;
• The genealogy of the theories of "populism" (in particular in relation to the theories of Antonio Gramsci, Gino Germani, Margaret Canovan and Ernesto Laclau);
• The connection between twentieth-century and contemporary populism and classical phenomena such as "demagogy", "oclocracy", "caesarism" and "boulangism";
• The connection between the contemporary critique of populism and the classic images that depict the masses, the mob or the people as emotional, irrational, violent, etc.;
• The connection between the contemporary concept of “populism” and classical theories on “totalitarianism” and “totalitarian democracy”;
• The ideological and organizational links between the different generations of "populist" movements and leaders (especially in the USA, Europe and Latin America, but also in other examples of the “global populism”).

Selected papers will be published in the review “Genealogy” (ISSN 2313-5778) – special issue “Genealogy of Populism” (section “Philosophical Genealogy”).

Chairs: Damiano Palano

For info on the Conference, support and assistance to submit panel and paper proposals you can write to  convegno2021@sisp.it