giovedì 19 aprile 2018

Distòpies i al·legories serials: Black Mirror, The Walking Dead, Westworld, Altered Carbon



di Chiara Fagone

Questa cronaca del seminario “Distopie e allegorie seriali”, che ha visto la partecipazione di Damiano Garofalo, Andrea Locatelli, Massimo Scaglioni, Antonio Zotti, con il coordinamento di Damiano Palano, è stata stesa da Chiara Fagone ed è apparsa sul sito Enganxats

Dimecres al vespre, a la Universitat Catòlica de Milà hi va haver una conferència organitzada pel CeRTA (Centre de Recerca sobre la Televisió i els Audiovisuals) i la Facultat de Ciències Polítiques. El moderador va ser Damiano Palano (Catedràtic de Ciències Polítiques i Socials) que va fer una breu introducció en la qual va recordar el concepte de distòpia, un futur desastrós dominat per la tecnologia, molt ben conegut durant el segle XX gràcies a George Orwell i a 1984.
El professor Damiano Garofalo, autor de Black Mirror: memorie dal futuro (Edizioni Estemporanee, 2017)*, precisament va a parlar de la sèrie britànica que ja s'ha convertit en un producte cult. Black Mirror, és una sèrie antològica: és a dir, cada capítol té una trama que és independent (com Historias para no dormir, TVE), consta de moment de 4 temporades, les primeres dues van ser produïdes per la cadena pública, però amb finançament totalment publicitari, anglesa Channel 4 (l'altra gran contrincant de la BBC, junt a la privada ITV) i després va ser comprada per la plataforma Netflix que va produir les següents temporades i la va distribuir arreu del món i la va fer conèixer. Segon Garofalo, més quina distòpia (la visió d'un futur tràgic, controlat pels dispositius tecnològics) la sèrie seria la representació d'una realitat paral·lela. També la relació entre el present, el passat i el futur és una incògnita. El tema polític, en canvi, està present amb referències a casos reals. A més, el professor va destacar els diferents casos dins de la sèrie en què hi havia referencies 'Inter-textuals' o guinyols entre els capítols.
Massimo Scaglioni (Professor Titular d'Història dels Mitjans de Comunicació i d'Economia i Màrqueting dels Mitjans, també Coordinador de les activitats del CeRTA) autor, junt amb Dom Holdaway, del llibre The Walking Dead: Contagio culturale e cultura post-apocalittica (Mimesis Edizioni, 2017)*, es va focalitzar sobre la relació entre el cinema (i després les sèries de televisió) i la política utilitzant l'al·legoria del zombi, en particular va destacar l'obra de George A. Romero.
Scaglioni, citant Bishop, indica que hi ha tres etapes: anys 30-50, com representació de les problemàtiques socials als EE UU; anys 80, la paròdia dels zombis del món polític i del poder constituït; anys 2000, després del 9/11, torna una visió postapocalíptica del zombi com al·legoria del ser humà. Aplicat a les sèries, Scaglioni va destacar tres exemples: The Walking Dead (i el seu spin off, Fear The Walking Dead); Dead Set, on torna la dimensió paròdica perquè una colla de zombia de sobte apareix per atacar el plató del Gran Hermano; I Zombie, on la sèrie de zombi es mescla amb el gènere del teen drama. Amb el cas de The Walking Dead, la sèrie d'AMC (cadena de cable), Scaglioni diu que la sèrie "sempre va ser un exemple d'al·legoria política però que aquesta última temporada en particular fa referència a les tretze colònies americanes dels pares fundadors." I a més, la condició postapocalíptica que viuen els sobrevivents esborra (teòricament) les diferències socials entre ells, canvien les modalitats de relació i hi ha nous models ètics proposats: com l'ús de la violència.
En canvi, el politòleg Andrea Locatelli va explicar el tema de la distòpia en Westworld, la sèrie de HBO produïda per J.J. Abrahms (el creador de Perdidos i Fringe), ambientada dins de parc d'aventura gegant paregut al Far West habitat d'uns androides amb semblances humanes, on tot és possible: on els exclusius clients poden gaudir lliurement dels robots, o sigui, poden matar-los, violar-los, torturar-los, com si fos una mena de Disneylàndia para adults. Perquè, a més, els androides no poden fer-li mal els humans i tampoc tenen memòria, ni sentiments: de fet, cada dia per ells és com si fos El dia de la marmota. Però la història canvia quan les maquines comencen a sentir coses, a recordar, a tomar consciència de si mateixos, a convertir-se en humans i es rebel·len. Dins d'uns dies s'estrenarà tant a Espanya (a HBO) com a Itàlia (Sky Atlantic) la segona temporada.
I per últim, el Professor Antonio Zotti va il·luminar un públic de 'millennials' sobre els secrets del cyberpunk, tendència nascuda els 80s amb els còmics i els llibres, feta mainstream gràcies a pel·lícules com Blade Runner, explicant la nova sèrie de Netflix: Altered Carbon, una novel·la negra hard boiled i de ciència ficció, protagonitzada per un excriminal que després de passar 250 anys en presó es desperta dins d'un altre cos, la sèrie juga amb temes forts e inquietants com la identitat i la memòria, proposant imatges molt provocatives, també plena de referències i homenatges a la cultura dels 80 (els dolents viuen dins de Torres d'Ivori, com l'Emperadriu de La història interminable).
Per acabar, alguns consells personals: si us va agradar Perdidos, The Walking Dead està feta per vosaltres, són 8 temporades, i llavors si teniu el cor trencat o esteu estressats, aquesta sèrie plena de zombis us anirà estupendament per una marató de binge watching 'terapèutica'. En canvi, si sous més cerebrals, hi ha Black Mirror, la sèrie que ens qüestiona i ens fa sentir incòmodes, sobre nosaltres mateixos i els nostres records. I si també (com jo) trobeu a faltar El Ministerio del Tiempo us recomano la petita sèrie alemanya Dark que està per trencar-se el cap. Si us agraden les emocions fortes i l'acció, Westworld no us fallarà; i si teniu un costat una mica friki i us agraden les atmosferes futuristes, o sous uns nostàlgics dels 80, però voleu també l'adrenalina i el misteri: Altered Carbon és la vostra.

*Els llibres de Scaglioni i Garofalo estan disponibles a la venda a Amazon.es

mercoledì 18 aprile 2018

"L’eclissi della teoria politica. Per una discussione sulla condizione degli studi politici in Italia". Una provocazione sulla "Rivista di Politica" 4/2017




Il fascicolo 4/2017 della "Rivista di Politica", oltre ad articoli di Alessandro Campi, Gianfranco Pasquino, Cesare Silla, Stefano Procacci e molti altri, ospita una provocazione di Damiano Palano, dal titolo 

L'eclissi della Teoria politica. Per una discussione sulla condizione degli studi politici in Italia

Si può acquistare l'intero fascicolo (cartaceo o in formato e-book) sul sito dell'editore Rubbettino al prezzo di 8,50 euro.

Le informazioni per sottoscrivere l'abbonamento annuale 2018 alla Rivista di Politica (30 euro per 4 numero di circa 200 pagine ciascuno), sono disponibili sul sito dell'Istituto di Politica.






Puoi scaricare il testo di
L'eclissi della Teoria politica. Per una discussione sulla condizione degli studi politici in Italia

venerdì 13 aprile 2018

Nell’abisso del terrore. Un libro di Vittorio Strada sul fascino della violenza nella cultura russa





Di Damiano Palano

Questa recensione al volume di Vittorio Strada, Il dovere di uccidere. Le radici storiche del terrorismo (Marsilio, pp. 203, euro 16.00), è apparsa sul quotidiano "Avvenire".

Nell’estate del 1869 lo studente Sergej Nečaev lasciò la Svizzera, dove era scappato per sottrarsi all’arresto della polizia zarista, e tornò in Russia. Un mandato di Bakunin lo dichiarava rappresentante dell’«Unione rivoluzionaria mondiale», un’organizzazione in realtà del tutto inesistente. Giunto a Mosca con una simile investitura, il giovane riuscì a creare una piccola società segreta, formata per lo più da studenti dell’Accademia agraria e sottomessa alle direttive di un fantomatico «Comitato». Quando uno dei pochi affiliati, Ivàn Ivànovic Ivanov, si ribellò ai suoi metodi autoritari, Nečaev decise di ucciderlo. E coinvolse nell’omicidio, avvenuto il 21 novembre 1869, altri quattro membri della società, di cui in quel modo intendeva cementare l’affiliazione. La brutalità dell’esecuzione e le circostanze in cui era maturata conferirono un’immediata notorietà al caso, anche perché nel corso delle indagini vennero alla luce alcuni documenti teorici di Nečaev, che aprivano uno squarcio inquietante su un estremismo completamente privo di morale e votato alla causa suicida della distruzione della vecchia società. Nel primo articolo del Catechismo del rivoluzionario, probabilmente il testo più noto di Nečaev, si leggeva infatti: «Il rivoluzionario è un uomo perduto. Non ha interessi personali, né affari privati, né sentimenti, né affetti, né proprietà, neppure un nome. Tutto in lui è assorbito da un unico interesse esclusivo, da un unico pensiero, da un’unica passione: la rivoluzione».
Nel 1977, mentre l’Italia entrava nella stagione più cupa del terrorismo, Vittorio Strada, curando il volume di Aleksandr Herzen A un vecchio compagno, ricostruiva l’affaire Nečaev e soprattutto la discussione che la vicenda aveva innescato tra gli intellettuali russi. A quarant’anni di distanza, nel suo nuovo libro Il dovere di uccidere. Le radici storiche del terrorismo (Marsilio, pp. 203, euro 16.00), Strada torna ad approfondire quelle riflessioni, mostrando che il «terrore» rappresentò quasi una sorta di lacerante ossessione per la Russia tra Otto e Novecento. Destinato a diventare celebre anche per la trasposizione letteraria che ne fece Dostoevskij nei Demoni, il caso di Nečaev fu d’altronde solo uno dei primi episodi di una lunga catena di violenze. Il crescendo del terrorismo ebbe un primo momento culminante con l’assassinio dello zar Alessandro II nel 1881. Ma divenne un fenomeno di massa nel primo decennio del nuovo secolo, quando le vittime di attentati (che erano state un centinaio nella seconda metà dell’Ottocento) divennero circa diciassettemila. Più che le dinamiche della violenza politica, a Strada interessa però la discussione che giunse a legittimare il ricorso all’azione terroristica. Il terrorismo diventava – come scrisse Pëtr Tkačev, il teorico del giacobinismo russo – l’«unico mezzo di rinascita morale e sociale» del paese. E la fascinazione per questo strumento non rimase patrimonio solo delle formazioni che si richiamavano alla tradizione populista, come il Partito socialista rivoluzionario, responsabile dell’escalation di attentati dell’inizio del Novecento. I bolscevichi ne ereditarono almeno alcune componenti. Dopo la rivoluzione, come ricorda Strada, Bucharin esaltò per esempio la violenza come strumento di una «costrizione extraeconomica» e come «metodo per fabbricare l’umanità comunista col materiale umano dell’epoca capitalista». Ma, come scrisse negli anni Venti Nikolaj Berdjaev, la giustificazione della violenza in nome di un bene superiore finì con l’essere ripresa anche da avversari del bolscevismo, come il filosofo Ivan Il’in. Si trattò senza dubbio, come scrive Strada, di «una tragedia all’interno della tragedia vissuta da un intero popolo e da un’intera epoca sotto il segno della violenza e del terrore». Ma non fu certo solo una storia russa. Ed è forse per questo che ancora oggi – pur dinanzi a un terrorismo dal volto molto diverso – quelle discussioni meritano di essere lette.

Damiano Palano

martedì 10 aprile 2018

La guerra dell'informazione e il potere della manipolazione. Un incontro con Massimiliano Panarari, Gabriele Colleoni e Damiano a Brescia (Università Cattolica - Via Trieste 17) - martedì 17 APRILE 2018 - ore 15.00




Martedì 17 aprile 2018, nell’ultima tappa del ciclo "Il Mondo in disordine", nella sede di Brescia dell'Università Cattolica (Via Trieste 17), Massimiliano Panarari, docente di Comunicazione politica alla Luiss di Roma ed editoralista di diverse testate, parlerà del ruolo della manipolazione nella politica novecentesca. 
Partendo da un suo libro recente e discutendo con Damiano Palano e Gabriele Colleoni («Giornale di Brescia»), tornerà al grande laboratorio della Prima guerra mondiale, per mostrare come proprio le necessità belliche abbiano fatto nascere la propaganda moderna, utilizzata in seguito dai regimi totalitari e dalla comunicazione politica contemporanea. Ma naturalmente si giungerà fino a oggi e alle tempeste delle "fake news".





Questa recensione al volume di M. Panarari, Poteri e informazione. Teorie della comunicazione e storia della manipolazione politica in Italia (1850-1930), Le Monnier, Firenze, 2017,  apparsa su «Avvenire» del 11 agosto 2017.

Quando nel 1917 gli Stati Uniti fecero il loro ingresso nella Grande guerra, le città americane furono tappezzate da manifesti che invitavano all’arruolamento. Il più famoso – che davvero tutti ricordano – ritraeva il volto arcigno dello Zio Sam, con il dito puntato verso l’osservatore, sopra una didascalia che recitava: «I want you for U.S. Army». Oggetto in seguito di miriadi di imitazioni, in realtà anche l’affiche dello Zio Sam riprendeva (con una grafica certo più accattivante) un precedente manifesto britannico, commissionato nel 1914 ad Alfred Leete dal Comitato parlamentare per il reclutamento. Nella versione originale a invitare i concittadini a unirsi all’esercito del loro Paese non era ovviamente lo Zio Sam, ma il feldmaresciallo Horatio Herbert Kitchener, allora ministro della guerra e in passato governatore imperiale dell’Egitto, oltre che vincitore della guerra anglo-boera. Ad ogni modo, entrambi quei manifesti erano il frutto di uno sforzo propagandistico senza precedenti. Perché proprio nell’officina della Grande guerra divenne chiaro che la comunicazione era ormai un’arma indispensabile, da gestire con tecniche e logiche molto simili a quelle dell’industria moderna.
Una ricostruzione delle linee principali di questa trasformazione è offerta dal volume di Massimiliano Panarari, Poteri e informazione. Teorie della comunicazione e storia della manipolazione politica in Italia (1850-1930) (Le Monnier, pp. 157, euro 14.00), che segue in parallelo la riflessione degli studiosi sugli effetti dei flussi informativi e le innovazioni adottate nel mondo politico. Panarari mostra in particolare che anche in Italia la Grande guerra rappresentò un momento di svolta.
All’indomani dell’entrata in guerra, Salvatore Barzilai, presidente dell’Associazione della Stampa Periodica Italiana, si pose subito al servizio del governo e fu in effetti nominato ministro da Salandra nel luglio 1915. Ma una svolta organizzativa si ebbe soprattutto dopo la tragedia di Caporetto, che portò alla costituzione del «Servizio P», la Commissione centrale per la propaganda verso il nemico (che vide coinvolti per esempio Giuseppe Prezzolini, Alfredo Rocco, Gaetano Salvemini e Pietro Calamandrei). Grazie al supporto di una legislazione restrittiva, i giornali furono inoltre sottoposti a severi controlli, miranti a garantire la sicurezza dello Stato. Particolare attenzione venne rivolta alle illustrazioni e alle fotografie di argomento militare, che potevano essere pubblicate solo a seguito di autorizzazione. In generale la stampa bellicista pubblicò però soprattutto fotografie fornite dalla stampa estera, che ritraevano le devastazioni e gli scenari di guerra. La morte dei soldati italiani non ebbe invece alcuna rappresentazione fotografia, per evitare la destabilizzazione che quelle immagini avrebbero provocato sulle famiglie. La rappresentazione del fronte fu piuttosto affidata alle tavole di Achille Beltrame, che ritraevano la guerra come un romantico scontro tra eroismi. E la gran parte degli italiani continuò così a pensare che il conflitto assomigliasse a una «tenzone cavalleresca», che nulla aveva a che fare con la «guerra totale» che si combatteva nelle trincee. Al tempo stesso, furono introdotti strumenti di propaganda tra i soldati, con la produzione di «giornali di trincea», come «Il Grappa» o «La Ghirba» (ideata da Ardengo Soffici). E furono diffusi veri e propri breviari per una propaganda efficace tra gli ufficiali addetti alla «sponsorizzazione» dello sforzo bellico presso i reparti impegnati al fronte.
La fabbrica della propaganda muoveva allora solo i primi passi. Ma si comprese subito che l’esperienza della guerra non sarebbe stata solo una parentesi. La prova che diede nel conflitto lo straordinario apparato propagandistico statunitense contribuì anzi a innescare la marcia verso l’«americanizzazione» della comunicazione anche in Europa. E così, se il 1914, come voleva Hobsbawm, segnò l’ingresso nel «secolo breve» delle ideologie, sancì anche la nascita di quella propaganda moderna a cui avrebbero attinto anche i regimi autoritari e totalitari del Novecento. E forse non fu allora un caso se George Orwell, quando modellò la sagoma del dittatore di Oceania, il Grande fratello di 1984, tornò proprio a quel vecchio manifesto per il reclutamento del 1914. E al dito puntato con cui il feldmaresciallo Kitchener invitava i cittadini britannici a entrare nell’esercito di Sua Maestà.

Damiano Palano

domenica 8 aprile 2018

"La maggioranza silenziosa". Un'anticipazione dal volume "Destra" curato da Spartaco Puttini e Corrado Fumagalli per la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli




di Damiano Palano

Questo stralcio è tratto da un saggio compreso nel volume "Destra" curato da Spartaco Puttini e Corrado Fumagalli (Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, pp. 160, euro 12.00).

La maggioranza silenziosa di cui parlava Baudrillard quarant’anni fa era una prima prefigurazione dell’audience che – secondo l’efficace formula avanzata da Bernard Manin alla metà degli anni novanta – sarebbe diventata la principale destinataria dei messaggi dei leader politici dopo la crisi della “democrazia dei partiti” (Manin 1997). Quando Manin formulò la propria proposta, nel corso degli anni novanta, le democrazie mature vivevano il momento culminante della “fine della Storia”. Sconfitte tutte le alternative al progetto liberaldemocratico (e soprattutto l’alternativa socialista), e scomparsi dalla scena (o ridotti all’irrilevanza) i vecchi partiti antisistema, il “pubblico” protagonista delle scelte democratiche poteva apparire in fondo come il composto osservatore di una competizione politica sostanzialmente “centripeta”, nella quale la vittoria elettorale sembrava dipendere dalla conquista dal voto dell’elettore mediano, collocato al centro dello spettro politico e indeciso tra destra e sinistra. E la maggioranza silenziosa – pur irrappresentabile politicamente – pareva essere la severa custode della stabilità politica, contro ogni estremismo.
Vent’anni dopo le cose sono invece molto diverse. Lo stesso Manin ha riconosciuto che l’ipotesi della democrazia del pubblico sopravvalutava la portata dell’erosione dell’identificazione partitica, che, per quanto si sia col tempo certo indebolita, non è però del tutto svanita, o è stata sostituita da altre forme di identificazione (per esempio con il leader). Ma il punto principale è che – dopo l’esplosione della crisi del 2008 – il “pubblico” delle democrazie occidentali si è dimostrato molto più radicale di quanto si fosse pensato. E la maggioranza silenziosa – pur sempre recalcitrante rispetto a ogni stabile rappresentazione – si è rivelata spesso disposta concedere il proprio sostegno elettorale a partiti radicali o addirittura estremisti (almeno secondo i parametri dell’ultimo trentennio). La discussione sulle trasformazioni delle nostre democrazie è naturalmente destinata a proseguire a lungo. Ma è comunque difficile negare che nel corso dell’ultimo decennio la gran parte delle democrazie occidentali sia stata attraversata da forti tensioni, che si sono tradotte nella nascita e nel successo di nuove formazioni politiche, capaci in alcuni casi di far registrare notevoli performance elettorali. La gran parte dei nuovi partiti viene spesso ricondotta alla famiglia populista, ma si tratta di una classificazione non priva di problemi. […] Per quanto esista una differenza fra la tradizione della destra radicale ed il profilo delle nuove formazioni populiste, e nonostante si possano ravvisare anche esperienze politico-ideologiche espressione di un populismo di sinistra, si possono però nutrire ben pochi dubbi sul fatto che la gran parte delle compagini populiste (o neopopuliste) contemporanee si collochi nello spettro politico contemporaneo sul versante di destra. […] Al di là della definizione dei tratti specifici del populismo autoritario o di destra, l’ascesa dei movimenti e dei leader riconducibili a questa famiglia può essere studiata da diversi punti di vista, che considerano per esempio le tendenze populiste come conseguenza della trasformazione dell’offerta politica, del ricorso a determinati strumenti retorici da parte della classe politica, delle modificazioni tecnologiche che investono la relazione tra leader e masse, della presidenzializzazione che coinvolge buona parte dei sistemi politici occidentali, del ruolo che i sistemi elettorali esercitano sull’andamento della competizione politica.
Ma, naturalmente, quel successo può essere anche studiato ponendo lo sguardo principalmente sui settori sociali che sono particolarmente sensibili alle proposte populiste (e nazional-populiste). In questo caso, si tratta dunque di chiedersi chi compone la maggioranza silenziosa che guarda verso il populismo di destra. Sono gli strati sociali spinti ai margini dai processi di globalizzazione? O a dare forza a quella protesta è una reazione culturale ai valori dell’establishment? O le motivazioni che rendono la maggioranza silenziosa sensibile al richiamo della destra vanno cercate altrove? Ovviamente allo stato attuale sarebbe ingenuo ritenere di poter dare risposte definitive, ma una serie di indagini ci consentono di cogliere alcune tendenze.
La maggioranza silenziosa di cui parlava Baudrillard quarant’anni fa era una prima prefigurazione dell’audience che – secondo l’efficace formula avanzata da Bernard Manin alla metà degli anni novanta – sarebbe diventata la principale destinataria dei messaggi dei leader politici dopo la crisi della “democrazia dei partiti” (Manin 1997). Quando Manin formulò la propria proposta, nel corso degli anni novanta, le democrazie mature vivevano il momento culminante della “fine della Storia”. Sconfitte tutte le alternative al progetto liberaldemocratico (e soprattutto l’alternativa socialista), e scomparsi dalla scena (o ridotti all’irrilevanza) i vecchi partiti antisistema, il “pubblico” protagonista delle scelte democratiche poteva apparire in fondo come il composto osservatore di una competizione politica sostanzialmente “centripeta”, nella quale la vittoria elettorale sembrava dipendere dalla conquista dal voto dell’elettore mediano, collocato al centro dello spettro politico e indeciso tra destra e sinistra. E la maggioranza silenziosa – pur irrappresentabile politicamente – pareva essere la severa custode della stabilità politica, contro ogni estremismo.
Vent’anni dopo le cose sono invece molto diverse. Lo stesso Manin ha riconosciuto che l’ipotesi della democrazia del pubblico sopravvalutava la portata dell’erosione dell’identificazione partitica, che, per quanto si sia col tempo certo indebolita, non è però del tutto svanita, o è stata sostituita da altre forme di identificazione (per esempio con il leader). Ma il punto principale è che – dopo l’esplosione della crisi del 2008 – il “pubblico” delle democrazie occidentali si è dimostrato molto più radicale di quanto si fosse pensato. E la maggioranza silenziosa – pur sempre recalcitrante rispetto a ogni stabile rappresentazione – si è rivelata spesso disposta concedere il proprio sostegno elettorale a partiti radicali o addirittura estremisti (almeno secondo i parametri dell’ultimo trentennio). La discussione sulle trasformazioni delle nostre democrazie è naturalmente destinata a proseguire a lungo. Ma è comunque difficile negare che nel corso dell’ultimo decennio la gran parte delle democrazie occidentali sia stata attraversata da forti tensioni, che si sono tradotte nella nascita e nel successo di nuove formazioni politiche, capaci in alcuni casi di far registrare notevoli performance elettorali. La gran parte dei nuovi partiti viene spesso ricondotta alla famiglia populista, ma si tratta di una classificazione non priva di problemi. […] Per quanto esista una differenza fra la tradizione della destra radicale ed il profilo delle nuove formazioni populiste, e nonostante si possano ravvisare anche esperienze politico-ideologiche espressione di un populismo di sinistra, si possono però nutrire ben pochi dubbi sul fatto che la gran parte delle compagini populiste (o neopopuliste) contemporanee si collochi nello spettro politico contemporaneo sul versante di destra. […] Al di là della definizione dei tratti specifici del populismo autoritario o di destra, l’ascesa dei movimenti e dei leader riconducibili a questa famiglia può essere studiata da diversi punti di vista, che considerano per esempio le tendenze populiste come conseguenza della trasformazione dell’offerta politica, del ricorso a determinati strumenti retorici da parte della classe politica, delle modificazioni tecnologiche che investono la relazione tra leader e masse, della presidenzializzazione che coinvolge buona parte dei sistemi politici occidentali, del ruolo che i sistemi elettorali esercitano sull’andamento della competizione politica.
Ma, naturalmente, quel successo può essere anche studiato ponendo lo sguardo principalmente sui settori sociali che sono particolarmente sensibili alle proposte populiste (e nazional-populiste). In questo caso, si tratta dunque di chiedersi chi compone la maggioranza silenziosa che guarda verso il populismo di destra. Sono gli strati sociali spinti ai margini dai processi di globalizzazione? O a dare forza a quella protesta è una reazione culturale ai valori dell’establishment? O le motivazioni che rendono la maggioranza silenziosa sensibile al richiamo della destra vanno cercate altrove? Ovviamente allo stato attuale sarebbe ingenuo ritenere di poter dare risposte definitive, ma una serie di indagini ci consentono di cogliere alcune tendenze.

Damiano Palano

giovedì 5 aprile 2018

Distopie e allegorie seriali. "The Walking Dead", "Black Mirror", "Westworld" e "Altered Carbon" - Un seminario con Massimo Scaglioni, Damiano Garofalo, Andrea Locatelli, Antonio Zotti e Damiano Palano - Mercoledì 11 aprile 2018, ore 16.30 - Università Cattolica (Milano)




Distopie e allegorie seriali. The Walking Dead, Black Mirror, Westworld e Altered Carbon

Mercoledì 11 aprile - ore 16.30

Università Cattolica
Largo Gemelli 1 - Milano
Aula G.129 - San Paolo

Introduce e modera
Damiano Palano

Partecipano

Damiano Garofalo
Andrea Locatelli
Massimo Scaglioni
Antonio Zotti

mercoledì 4 aprile 2018

La radice del populismo è il «disagio» della libertà? Un libro di Mattia Ferraresi



Di Damiano Palano

Questa recensione al volume di Mattia Ferraresi, Il secolo greve. Alle origini del nuovo disordine mondiale (Marsilio, pp. 175, euro 16.00), è apparsa su "Avvenire" il 20 febbraio 2018. 

Nel corso del primo anno trascorso alla Casa Bianca, i mutamenti della squadra di governo, le gaffe, i veri e presunti scandali hanno accompagnato quasi quotidianamente il cammino di Donald Trump. Non è d’altronde ancora chiaro quale impronta il miliardario newyorkese darà alla sua presidenza. E qualcuno dubita anche che riuscirà a portare a termine il suo mandato. Ciò nonostante Trump ha già lasciato una traccia profonda nella cultura americana. Non certo perché The Art of the Deal e gli altri suoi libri in cui spiega come avere successo nella vita siano entrati nel pantheon della letteratura d’Oltreoceano. Ma perché la sua vittoria alle presidenziali del 2016 ha causato per molti intellettuali un vero e proprio shock. Qualcuno ha iniziato a contestare il nuovo inquilino della Casa Bianca con un vigore sconosciuto nella politica americana, indicando nel «populismo» una minaccia per la democrazia e per i valori del pluralismo. Altri hanno invece cercato di trovare la spiegazione di quel successo dentro le trasformazioni della società. E – un po’ come faceva Erich Fromm in Fuga dalla libertà per spiegare l’ascesa dei fascismi – ne hanno rinvenuto le cause più profonde nel fallimento della promessa liberale al cuore dell’american dream.
È proprio questa la strada che segue anche Mattia Ferraresi, corrispondente dagli Stati Uniti per «il Foglio» e raffinato osservatore della politica americana nel suo Il secolo greve. Alle origini del nuovo disordine mondiale (Marsilio, pp. 175, euro 16.00). L’obiettivo è innanzitutto contrastare l’immagine di una democrazia liberale assediata dai «barbari» e portare alla luce quei processi che consentono di spiegare per quale motivo una fetta consistente della società americana abbia visto in Trump un credibile portavoce del proprio disagio. La fortuna dei leader e dei partiti populisti nasce infatti da quella che Ferraresi non esita a definire una «crisi esistenziale». Una «crisi» che ha innanzitutto motivazioni economiche L’immagine di un’America in forte ripresa economica, capace di lasciarsi alle spalle i ricordi della vecchia crisi, ha infatti qualcosa di vero, ma secondo Ferraresi finisce col dimenticare una serie di aspetti. Per esempio non considera l’esclusione dal mondo del lavoro di cui è vittima una parte tutt’altro che residuale della popolazione adulta, risucchiata dalla disoccupazione di «lungo periodo». Ma occulta anche la dilatazione della «classe criminale», composta da circa 2,3 milioni di detenuti nelle prigioni a stelle strisce (per un rapporto di 707 detenuti ogni 100 mila abitanti), la diffusione di oppiacei e di sostanze stupefacenti, la crescente solitudine di cui si sentirebbe vittima il 28% degli americani. Il successo di Trump, secondo Ferraresi, sarebbe invece venuto proprio da qui. Nelle elezioni del 2016 non è comunque emersa una «coscienza della classe disperata». Più semplicemente, la forza distruttrice del personaggio ha fatto breccia in un elettorato che si è lasciato sedurre dalla promessa di restaurare un passato perduto.
Il senso di disperazione che Ferraresi ritrova in America è in realtà una condizione più generale, che anche nel Vecchio continente è alle radici della fortuna delle formazioni «populiste». La «crisi esistenziale» non ha però solo una matrice economica. La «grande disillusione» contemporanea sembra infatti il sintomo di un disagio più radicale, per il quale il liberalismo non ha alcuna cura. Si tratta, in altre parole, del riflesso di quella contraddizione che lacera ‘strutturalmente’ la promessa liberale. È la condizione che scaturisce dalla disillusione rispetto alle promesse di auto-compimento della modernità: una sistematica frustrazione che «deriva dalla scoperta che perfino il più duttile degli ideali, grandioso propulsore di prosperità materiale e diritti, non ha strumenti per rispondere adeguatamente alle domande intorno al senso dell’esistenza, non crea rapporti umani duraturi, non genera certezze esistenziali, ma ingigantisce ansie e fragilità».
La spiegazione ‘filosofica’ che Ferraresi propone coglie senza dubbio alcuni aspetti di una crisi che effettivamente non si può ridurre né alla dimensione economica né tantomeno al risentimento nei confronti dell’establishment. Ma la novità – che alimenta la frustrazione dinanzi all’ottimismo dell’umanesimo progressista – è soprattutto che per l’Occidente la «Storia» sembra davvero finita, come voleva lo slogan di Fukuyama. La democrazia e il liberalismo definiscono un orizzonte privo di alternative. E il «populismo» – o comunque si voglia chiamare l’insieme di tensioni che attraversano le nostre società – diventa allora la forma di un disagio incapace di formulare risposte e di pensare il «progresso» in modo diverso dall’evoluzione tecnologica e dalla dilatazione del presente.


 Damiano Palano



venerdì 30 marzo 2018

La smart city sarà una società del controllo? "Tecnologie radicali" di Adam Greenfield




di Damiano Palano

Questa recensione al volume di Adam Greenfield, Tecnologie radicali. Il progetto della vita quotidiana (Einaudi, pp. 321, euro 22.00), è apparsa, con il titolo Smart city. Incubo e opportunità, su "Avvenire" del 23 febbraio 2018.

«Chi non ha vissuto gli anni prima della rivoluzione non può capire che cosa sia la dolcezza del vivere», diceva una famosa frase di Talleyrand. Forse tra qualche anno anche noi rimpiangeremo nostalgicamente la «dolcezza del vivere» precedente alla rivoluzione che sta modificando rapidamente (e senza che ce ne rendiamo conto) le nostre vite quotidiane. Nell’estate del 2007, quando entrò in commercio il primo iPhone, la gran parte di noi pensò d’altronde si trattasse solo di una nuova versione di telefono mobile, un po’ più elaborata delle precedenti. In pochi avevano compreso che quell’oggetto sarebbe diventato il compagno inseparabile delle nostre giornate, il custode di tutta la nostra vita più intima, il primo oggetto che tocchiamo al mattino e l’ultimo che guardiamo prima di addormentarci. Probabilmente neppure oggi – anche se passiamo talvolta ore a strofinare i polpastrelli sullo schermo dei nostri smartphone – ci rendiamo davvero conto di cosa tutto questo comporti. E cosa significhi, per le relazioni che abbiamo con i nostri simili e per lo stesso rapporto con la realtà che ci circonda, il fatto che tutto il mondo passi da quei piccoli schermi che ci portiamo costantemente appresso.



Non sono mancate negli ultimi anni analisi anche fortemente critiche sulla trasformazione tecnologica e sui rischi che essa comporta. In questa letteratura – che certo potrebbe essere accusata di un eccesso di pessimismo, ma che offre comunque intuizioni preziose – si inserisce anche il libro di Adam Greenfield, Tecnologie radicali. Il progetto della vita quotidiana (Einaudi, pp. 321, euro 22.00), che cerca di prevedere quali saranno nel nostro immediato futuro le direzioni della trasformazione. Greenfield esamina infatti gli sviluppi imminenti di tecnologie che già ci sono familiari ma che nei prossimi anni avranno uno sviluppo ulteriore. E oltre agli smartphone, considera dunque l’internet delle cose, la realtà virtuale e aumentata, la stampa in 3D, la criptovaluta, la blockchain e l’apprendimento automatico. A tenere insieme tutte queste tecnologie – questa è la tesi centrale – è un unico obiettivo: organizzare nel modo più efficiente (e comodo) la vita quotidiana. Ma il crescente controllo che acquisiamo in questo modo sul mondo circostante è solo apparente. Per utilizzare strumenti che certo ci facilitano molte operazioni, e che per esempio ci guidano in una città sconosciuta grazie alle mappe che consultiamo sul nostro smartphone, dobbiamo cedere una parte della nostra privacy. La stessa cosa avverrà in un futuro molto vicino con l’internet delle cose, che ci consentirà di tenere sotto controllo gli elettrodomestici di casa anche da molto lontano. O mediante le pratiche della measured life, con la quale potremo monitorare il nostro stato di forma e le nostre performance sportive. Anche se non ne siamo consapevoli, in tutti questi modo cederemo (e già cediamo oggi) dati che riguardano la nostra sfera privata e persino la dimensione più intima della nostra quotidianità. E non importa che i visionari che hanno progettato molte delle nuove tecnologie avessero tutt’altri obiettivi.



Ma oltre ai problemi etici che nascono e alle concentrazioni di potere che questa enorme mole di dati implica, c’è un altro lato oscuro che Greenfield sottolinea. Tutti i tentativi di controllare la realtà ci lasciano in preda ogni volta a un senso di sopraffazione, di sfinimento, proprio perché non siamo neppure consapevoli della pressione che pesa su di noi. La nostra vita è già talmente disseminata nelle maglie dei data center, delle infrastrutture di trasmissione e dei dispositivi di interfaccia che – quasi come fossimo dei cyborg – siamo costretti ad andare ovunque ci conduca questo apparato. La nostra autonomia di scelta viene così risucchiata dentro i meccanismi di una logica che si autoalimenta. E di fatto viene esclusa ogni credibile via di uscita.

Naturalmente non è detto che tutte queste tendenze siano destinate a realizzare una distopia alla Philip Dick. E d’altronde anche Greenfield elabora diversi scenari possibili, non tutti così negativi. Ma è necessaria una dose notevole di ottimismo per immaginare che queste tendenze possano essere gestite democraticamente. O per credere che la promessa di dare a ciascuno un pieno controllo sull’ambiente e sulla propria vita non si risolva nella manipolazione pervasiva (e quasi sempre invisibile) dei nostri comportamenti. E proprio per evitare che questi scenari diventino reali – e che il miraggio della smart city si trasformi nell’incubo di una totalitaria «società del controllo» – dovremmo almeno cercare di conoscere meglio il funzionamento e la logica delle nuove tecnologie.


Damiano Palano

lunedì 19 marzo 2018

Il nuovo incubo nucleare, se la storia fa un indietro alla «Guerra fredda». Un libro di Caravelli e Foresi




di Damiano Palano

Questa recensione al volume di Jack Caravelli e Jordan Foresi, La minaccia nucleare. La crisi coreana, i problemi di controllo degli arsenali, il rischio terrorismo (Nutrimenti, pp. 185, euro 16.00), è apparsa si "Avvenire" il primo marzo 2018.

Illustrando a Praga i progetti militari degli Stati Uniti, Barack Obama nel 2009 annunciò l’intenzione di ridurre sensibilmente gli arsenali nucleari di Washington. «Guideremo il mondo verso una pace senza armi nucleari», disse l’allora neo-presidente, precisando però che, fino al raggiungimento di quell’obiettivo, gli Usa avrebbero conservato i loro armamenti. A meno di dieci anni di distanza, la prospettiva evocata da Obama – su cui è tornato anche papa Francesco nel discorso alle Nazioni Unite del marzo 2017 – sembra essere piuttosto lontana. Anzi, dopo i test messi in atto dalla Corea del Nord, l’incubo di un conflitto nucleare è tornato ad aleggiare sulla politica mondiale, come non accadeva dalla stagione più cupa della Guerra fredda. E non è certo casuale che il Nobel per la Pace sia stato assegnato nel 2017 proprio alla coalizione di organizzazioni non governative Ican che ha come obiettivo la messa al bando degli ordigni nucleari. Ma la possibilità di un conflitto atomico è davvero credibile? Dobbiamo realmente preoccuparci delle minacce di Pyongyang? E il programma nucleare iraniano costituisce potenzialmente un rischio? Naturalmente non è facile rispondere a queste domande, ma un contributo utile per accostarsi a questa serie di interrogativi è offerto dal volume di Jack Caravelli e Jordan Foresi, La minaccia nucleare. La crisi coreana, i problemi di controllo degli arsenali, il rischio terrorismo (Nutrimenti, pp. 185, euro 16.00). Grazie alla conoscenza del tema di Caravelli, per oltre trent’anni analista della Cia e impegnato in diversi programmi per la non proliferazione, il volume fornisce un quadro della situazione e dei prossimi possibili sviluppi. L’intento non è tanto quello di spaventare i lettori, quanto quello di informare sulla realtà che rappresenta oggi la minaccia nucleare. Innanzitutto viene chiarita dunque la mappa del ‘club nucleare’, che comprende oggi nove membri: Usa, Russia, Cina, Francia, Regno Unito, India, Pakistan, Israele e Corea del Nord. Più del novanta per cento delle armi atomiche appartiene a Washington e Mosca. E circa settanta di questi ordigni sono collocati in Italia (tra le basi di Ghedi e di Aviano). Il crollo dell’Urss e la fine dello scontro bipolare non hanno dunque modificato sostanzialmente la situazione precedente, anche perché l’arsenale nucleare sovietico – nonostante le preoccupazioni dei primi anni Novanta del secolo scorso – è rimasto saldamente in mano russa. Ma certo il mutamento degli equilibri potrebbe incidere anche su questo aspetto. E la capacità di tenere sotto controllo la proliferazione nucleare potrebbe essere messa in crisi da parte del nuovo quadro geopolitico.
La sfida della Corea del Nord e le rivendicazioni iraniane potrebbero essere già un annuncio del nuovo scenario. In realtà da questo punto di vista l’opinione di Caravelli e Foresi è piuttosto cauta. Anche se le minacce di Pyongyang creano più di qualche difficoltà a Pechino, la caduta del regime nord-coreano riaprirebbe una serie di questioni capaci di destabilizzare l’intera area. È dunque probabile che il risultato sia, almeno per ora, la conservazione dello status quo. Ma in questo modo le tensioni non verrebbero meno. La situazione iraniana potrebbe invece essere aggravata soprattutto dall’atteggiamento adottato dall’amministrazione Trump, perché il ‘decisionismo’ americano potrebbe – per questioni formali, più che sostanziali – isolare la posizione di Washington.
Specie dopo alcune dichiarazioni del presidente americano, non vanno però trascurati altri fattori di rischio, relativi all’utilizzo che degli armamenti nucleari potrebbero fare gli Stati Uniti. Una questione cruciale è legata infatti all’ipotesi di sviluppare «piccole armi nucleari», da utilizzare come armi tattiche sul campo di battaglia. Una soluzione di questo tipo modificherebbe infatti completamente la logica degli attori. L’equilibrio della Guerra fredda si fondava sulla convinzione che il ricorso alle armi atomiche avrebbe comportato la reciproca distruzione dei contendenti. Per questo nessuno avrebbe attaccato ‘per primo’. Ma evidentemente l’introduzione di armi nucleari ‘tattiche’ potrebbe cambiare drasticamente la logica. E creare situazioni di tensione davvero difficili da gestire.


Damiano Palano

mercoledì 14 marzo 2018

Se l’ordine internazionale liberale cola a picco per voluta mancanza di regole. "Titanic" di Vittorio E. Parsi


di Damiano Palano

Questa recensione al nuovo libro di Vittorio Emanuele Parsi, Titanic. Il naufragio dell'ordine liberale (Il Mulino, euro 16.00), è apparsa su "Avvenire" il 14 marzo 2018.

Nel gennaio 1941, mentre il Vecchio continente sprofondava nella barbarie della Seconda guerra mondiale, Franklin Delano Roosevelt pronunciò quello che fu subito definito il Discorso delle quattro libertà. In quell’occasione il presidente americano affermò la necessità di garantire, per tutti i popoli del mondo, la libertà di parola e di culto, ma anche la libertà dal bisogno e dalla paura. E, soprattutto, fissò gli elementi di quello che, dopo il conflitto, sarebbe diventato l’ordine internazionale liberale: un ordine capace di offrire basi più solide alla pace, grazie a una nuova organizzazione sovranazionale e mediante strumenti volti a favorire gli scambi economici e la stabilità dei cambi. Imperniato sull’egemonia di Washington, l’ordine internazionale liberale iniziò effettivamente a prendere forma già nell’ultima fase della guerra e si tradusse in un’architettura fondata su cinque istituzioni principali: le Nazioni Unite, il Fondo monetario internazionale, la Banca Mondiale, l’Accordo generale sulle tariffe e sul commercio (molto più tardi sostituito dall’Organizzazione mondiale del commercio) e l’Alleanza Atlantica. Naturalmente quella sorta di ‘New Deal globale’ che si delineò a Bretton Woods nel 1944 non coinvolse davvero tutto il mondo, perché ne rimasero sostanzialmente esclusi tutti i paesi del socialismo reale. Alimentandosi anche della contrapposizione con il blocco sovietico, garantì comunque all’Occidente quasi cinquant’anni di crescita economica, di prosperità e di pace. 
Ma proprio nel momento del maggiore successo – come sostiene Vittorio Emanuele Parsi nel suo appassionato Titanic. Il naufragio dell’ordine liberale (Il Mulino, pp. 219, euro 16.00) – le cose iniziarono a cambiare. Il 9 novembre 1989, quando il muro che divideva le due Germanie si dissolse, secondo Parsi anche l’architettura dell’ordine internazionale liberale iniziò infatti a sgretolarsi. Da quel momento le istituzioni varate a Bretton Woods furono progressivamente estese al mondo intero, ma incominciò a venire meno contestualmente un tassello cruciale del progetto originario. La costruzione del mercato globale era cioè perseguita mediante lo smantellamento delle regole che avrebbero dovuto organizzare (e vincolare) i nuovi flussi di merci e capitali. E oggi possiamo vedere le conseguenze negative di quel processo, che sono principalmente la concentrazione delle ricchezze e la crisi del ceto medio. «La promessa di una società più ricca di opportunità», scrive Parsi, è stata dunque «tradita a vantaggio di pochi». E, più in generale, sono state vanificate tutte le attese riposte dopo il 1989 nel nuovo «ordine mondiale». Un ordine che, dopo l’11 settembre, non si è certo rivelato più sicuro, e che ha finito anche col mettere in crisi il patto tra economia capitalista e democrazia politica.
Come il Titanic, l’ordine liberale si trova secondo Parsi a navigare in un mare sempre più minaccioso. Le insidie principali vengono sistematicamente passate in rassegna nel volume, che rappresenta per questo una preziosa bussola per orientarsi nella transizione. E sono innanzitutto la nuova distribuzione della potenza, che emerge dall’ascesa di protagonisti inediti (come ovviamente la Cina), la polverizzazione delle minacce, di cui il fenomeno terroristico è solo l’aspetto più visibile, e la tendenza degli stessi Stati Uniti a contestate le regole dell’ordine liberale (per esempio, come sta facendo Trump, adottando misure protezioniste). Ma agli occhi di Parsi il rischio maggiore viene proprio dal cuore dell’Occidente. Ed è la deriva di democrazie che «sembrano incapaci di mantenere la propria rotta, strette tra i mentori di un populismo identitario e sovranista e i cantori dell’oligarchia apolide e tecnocratica».
Il quadro che Parsi dipinge è piuttosto fosco, e la scelta del titolo è d’altronde piuttosto significativa. Ma il politologo lascia intravedere anche lo spazio per una possibile inversione di tendenza. All’interno dell’Unione europea, il riequilibrio del rapporto tra democrazia e mercato – e tra le ragioni della solidarietà e quelle della produttività – potrebbe infatti passare da una riarticolazione delle sovranità nazionali. Non per inseguire ambizioni protezioniste, ma per rispondere più efficacemente all’instabilità che il sistema internazionale scarica proprio sui singoli Stati. Il rafforzamento della sovranità che Parsi auspica richiede però condizioni che non sono così scontate. Non solo (e non tanto) perché non è detto che tutti gli Stati abbiano le risorse strutturali necessarie per adempiere a questo compito. Ma anche perché non è così certo che la classe politica sempre più debole e delegittimata che guida oggi le democrazie europee abbia la capacità, la forza e anche il coraggio necessari per raddrizzare il timone. E per portare in salvo il nostro Titanic.

 Damiano Palano




lunedì 12 marzo 2018

La politica «pura» di Gianfranco Miglio. A cento anni dalla nascita dello studioso comasco (1918-2018)



di Damiano Palano



Questo articolo è apparso su "Il Foglio.it" il 7 marzo 2018, in occasione del convegno La politica "pura". A cento anni dalla nascita di Gianfranco Miglio (1918-2018), svoltosi all'Università Cattolica, con la partecipazione di Pierangelo Schiera Mario Tronti, Massimo Cacciari, Giuseppe Duso, Carlo Galli, Luigi Marco Bassani, Alessandro Campi, Lorenzo Ornaghi, Paolo Colombo, Vittorio E. Parsi.

Concludendo nel 1988 il convegno organizzato all’Università Cattolica in occasione dei suoi settant’anni, Gianfranco Miglio non si lasciò sfuggire l’occasione di replicare ai relatori che avevano sezionato per tre giornate il suo articolato percorso di studio. E non tralasciò, fra l’altro, di respingere la qualifica di «elitista» che gli aveva attribuito Gustavo Zagrebelsky. «Coloro che ‘fanno politica’», osservò, «non sono affatto i ‘migliori’, se non in rapporto a un giudizio comparato circa la capacità di ottenere materialmente il potere». La «classe politica» ai suoi occhi non era cioè davvero un’«élite», come l’aveva definita Vilfredo Pareto, bensì solo «uno strato puramente funzionale presente in ogni convivenza umana», composto da quegli individui che «lottano per ottenere o conservare il potere politico». A trent’anni di distanza – dopo il tramonto della ‘Prima Repubblica’ e mentre ancora siamo alle prese con la lunga agonia della ‘Seconda’ – è davvero difficile resistere alla tentazione di far proprie le parole di Miglio. Ma sarebbe quantomeno riduttivo leggere in quella raffigurazione della classe politica solo una critica rivolta al ceto dirigente espresso allora dalla «Repubblica dei partiti» (e fin troppo agevolmente applicabile a quello che calca oggi il palcoscenico della politica italiana). Quando respingeva l’appellativo di «elitista», Gianfranco Miglio faceva emergere infatti un tratto distintivo della sua personalità intellettuale e un elemento che contrassegnava lo sguardo con cui osservava i fenomeni politici. Uno sguardo che senz’altro ci può apparire cinico (e che in buona parte lo era davvero). Ma che a tanti anni di distanza, pur in un mondo molto cambiato, continua a rimanere uno strumento probabilmente imprescindibile.

La sua breve esperienza politica nella Lega Nord, nei mesi infuocati che accompagnarono il tracollo della ‘Prima Repubblica’, rese Miglio un personaggio pubblico a livello nazionale. Ma la notorietà che gli diedero l’impegno politico e le apparizioni televisive finirono per cristallizzare un’immagine di Gianfranco Miglio quanto meno schematica, se non in alcuni casi addirittura caricaturale. Dipingendo il professore comasco come l’«ideologo» del federalismo si coglie infatti un dato importante e che non può essere sottovalutato, perché Miglio fu davvero (e già dalla fine della Seconda guerra mondiale) un convinto assertore della necessità per l’Italia di dotarsi di un assetto federale. Ma in questo modo si rischia di dimenticare che fu soprattutto un raffinato studioso dell’esperienza politica occidentale e un teorico originale, la cui prospettiva affondava nella tradizione del realismo politico europeo.

La principale divisa teorica di Gianfranco Miglio – che contribuì anche a renderlo un interlocutore ‘scomodo’ per molti anni – fu in effetti proprio quella del realismo. Un realismo – «perseguito al di sopra di ogni ‘umano rispetto’, e senza indulgenza per le altrui speranze», come ebbe a dire – che riteneva fosse un presupposto metodologico insostituibile per investigare i fenomeni politici. Partendo da simili premesse Miglio giunse a delineare il progetto di una teoria «pura» della politica. Dove il riferimento alla ‘purezza’ non alludeva certo a una limpidezza morale o ad altre qualità che la politica avrebbe dovuto mostrare. ‘Civettando’ con Kelsen – e, in qualche misura, capovolgendo la logica della sua reine Rechtslehre – Miglio riteneva infatti che la teoria «pura» della politica dovesse cogliere la radice più profonda (e ineliminabile) delle relazioni di potere. Naturalmente era ben consapevole del peso che esercitano in politica elementi ‘culturali’ come le grandi costruzioni dottrinarie e le «finzioni», di cui lo «Stato (moderno)» era ai suoi occhi la paradigmatica esemplificazione. Ma rifiutava di ridurre la politica e le sue dinamiche a elementi ideologici, economici, morali. Come tutti i grandi realisti, tendeva anzi a ritenere che le «regolarità» dei fenomeni politici discendessero dai tratti immutabili della «natura umana» e dunque dalla struttura originaria del rapporto di «obbligazione politica». E proprio sulla base di una simile convinzione elevò l’architettura di una teoria generale capace di unificare in un quadro organico le «regolarità» scoperte di grandi classici che – da Tucidide fino a Carl Schmitt – avevano contributo a decifrare gli enigmi del «politico».

Le Lezioni di politica pura – che Miglio annunciò più volte – non videro mai la luce. E il suo progetto di una teoria capace di sintetizzare le grandi «regolarità» rimase per molti versi un vero e proprio cantiere aperto, oggetto di costanti rivisitazioni e aggiustamenti. Ma è anche per questo che – a distanza di trent’anni dal convegno del 1988, e a un secolo dalla nascita dello studioso comasco – non è un’occasione rituale tornare a riflettere sulla sua eredità teorica, scientifica e intellettuale. Il convegno La politica «pura» organizzato all’Università Cattolica – dove Miglio compì il proprio intero percorso accademico e dove fu per trent’anni Preside della Facoltà di Scienze politiche – intende infatti riportare al centro della discussione il suo specifico «realismo», la sua ambizione di decifrare gli enigmi dei fenomeni politici, ma anche la ricchezza delle sue ricerche, che influirono sul dibattito intellettuale seguendo traiettorie sorprendenti. L’obiettivo non è certo quello di ‘cristallizzare’ in un quadro organico il suo pensiero, o magari quello di stabilirne la versione ‘ortodossa’. Compiere un’operazione del genere significherebbe anzi tradire la sua eredità intellettuale. Adottando le medesime parole che Miglio utilizzò per commemorare Carl Schmitt, possiamo riconoscere infatti che «i traguardi scientifici da lui raggiunti, proprio perché corrispondenti ad altrettanti alti problemi», rappresentano «porte aperte sul futuro della conoscenza scientifica». Raccogliere la sfida dell’esplorazione degli Arcana imperii e della «politologia concettuale» significa così ripartire da quegli stessi nodi problematici che Gianfranco Miglio affrontò e dalle ipotesi cui giunse. Magari persino spingendosi a metterle in questione, come probabilmente lui stesso avrebbe fatto, dinanzi all’incalzare delle trasformazioni contemporanee. Ma conservando la lezione di metodo del suo realismo. E senza dimenticare soprattutto che, come scrisse una volta, «a coloro che scrutano per mestiere la natura della politica» tocca sempre «il duro privilegio di chiamare le cose con il loro nome e di aiutare gli uomini a non confondere la realtà effettuale con i propri sogni»



Damiano Palano

venerdì 9 marzo 2018

Seconda Repubblica addio. Ma la Terza non può nascere. Dopo il 4 marzo


di Damiano Palano

Questo articolo è apparso sul "Giornale di Brescia" il 7 marzo 2018

Con le elezioni del 4 marzo si è definitivamente conclusa la stagione della “Seconda Repubblica”. Ma tutte le tendenze emerse dal voto indicano anche che la strada che conduce alla “Terza” risulta sbarrata da ostacoli piuttosto robusti.
Il primo risultato che le urne ci restituiscono è senza dubbio la débâcle elettorale della sinistra. Non si tratta di un dato che caratterizza solo l’Italia, perché l’ultima tornata elettorale ha fatto registrare clamorose sconfitte per le formazioni che si richiamano alla tradizione socialista anche in Spagna, Francia e Germania. Oltre alla deludente performance di Liberi e Uguali, il dato più eclatante è ovviamente il modesto risultato ottenuto dal Partito democratico (che alla Camera perde più del 7% dei voti) e dall’intera coalizione di centro-sinistra.
La sconfitta del partito guidato da Renzi deve essere però collocata all’interno anche di un’altra grande tendenza, ancora più rilevante: lo sgretolamento del centro politico. Anche se le opposizioni che si collocano sulle ali estreme non possono essere interpretate come declinazioni della destra e (soprattutto) della sinistra, è infatti evidente che lo spazio delle formazioni ‘moderate’ e tendenzialmente ‘centriste’ si è sensibilmente contratto. Per molti versi, il progetto originario del Pd, ossia quello di costruire un partito moderato di centro-sinistra «a vocazione maggioritaria» è naufragato, probabilmente per sempre, schiacciato sotto il peso di cinque anni di governo (oltre che di errori tattici e strategici). Ma è uscita fortemente ridimensionata anche Forza Italia, che rappresentava in queste consultazioni la componente ‘moderata’ del centro-destra. Inoltre, è completamente scomparsa quella fetta di spazio politico che la coalizione guidata da Mario Monti era riuscita a conquistare nel 2013, ottenendo circa il 10% dei suffragi. E nessuna delle piccole formazioni ‘centriste’ ed europeiste (come Più Europa, Civica Popolare, Noi con l’Italia) è riuscita a superare la soglia di sbarramento.
L’ulteriore macroscopica tendenza che esce dal voto è la vittoria di Movimento 5 stelle e Lega, entrambe in grado di ottenere un risultato ben superiore a quello che i sondaggi prevedevano.  Al di là di ogni valutazione, per ora è quantomeno indispensabile prendere atto della consistenza quantitativa della rottura, della «polarizzazione» dell’elettorato italiano e della forza della spinta centrifuga della competizione. Sommando i voti di M5s, Lega, Fratelli d’Italia e dei piccoli partiti che non superano la soglia di sbarramento, risulta infatti che ben più della metà degli elettori ha sostenuto formazioni ‘estreme’. Formazioni che non sono propriamente «anti-sistema», ma che comunque esprimono una critica radicale nei confronti dell’Unione europea, della classe politica e dei partiti ‘tradizionali’ (che in realtà non sono affatto ‘tradizionali’, dal momento che il più antico ha meno di un quarto di secolo di vita).
La conseguenza di un simile quadro è ovviamente l’instabilità, perché nessuna delle ipotesi di coalizione allargata sembra facilmente praticabile. Da un certo punto di vista, la situazione in cui si trova oggi l’Italia è molto simile a quella del 1992-93. Anche allora il centro, rappresentato dalla Democrazia Cristiana, si stava dissolvendo, mentre la Lega Nord e il Movimento Sociale (che si stava tramutando in Alleanza Nazionale), pur conquistando spazi e voti, erano politicamente antitetici. Nell’arco di pochi mesi, prima delle elezioni del 1994, la nebulosa diede origine a un nuovo bipolarismo, grazie alla “discesa in campo” di Silvio Berlusconi, collante della coalizione di centro-destra, e anche alla scomparsa del “terzo polo” centrista (favorita della legge elettorale). La transizione fu per questo piuttosto rapida. Le condizioni oggi sembrano molto diverse. Per i due leader usciti di fatto vincitori dal 4 marzo, Di Maio e Salvini, è certo allettante la prospettiva di diventare i protagonisti di un nuovo emergente ‘bipolarismo’. Ma il tripolarismo nato nel 2013 probabilmente non scomparirà, a dispetto della sconfitta del Pd e delle altre forze centriste. Ognuno dei tre poli sembra infatti troppo debole per dar vita a un governo, ma al tempo stesso anche troppo forte per uscire di scena o essere inglobato dentro una logica bipolare. Per questo è molto probabile che l’Italia rimanga senza guida politica per parecchi mesi. E con i rapporti di forza che si sono delineati, non dobbiamo così attenderci una rapida transizione alla “Terza Repubblica”.

Damiano Palano